PumaOceanRacing.jpg

VOR le strategie d’investimento di: Volvo, Puma ed Ericsson (2)

Continua … Sailbiz analizza le strategie della casa automobilistica svedese.

 

 

Da anni per Volvo lasicurezza è il principale brand value, la casa automobilistica, dal 1997, conl’ingresso nell’evento, ha deciso di far diventare questo valore distintivoanche per la regata intorno al mondo.

Nella piramide dei valoridel brand Volvo, dopo la sicurezza, ci sono il rispetto per l’ambiente ed ildesign, tutti valori che il management ha ritrovato espressi nella VOR e più ingenerale nella vela, sport fortemente rispettoso dell’ambiente.

Sicurezza, rispetto dell’ambientee design e la comunione di questi valori ha fatto si che da tre edizioni Volvosia legata fortemente a questo evento globale.

Oggi il brand Volvo, graziea questa forte associazione, secondo quanto dichiarato dal management, haraggiunto dei livelli di riconoscibilità mai raggiunti prima. L’evento da l’opportunitàall’azienda di incontrare clienti e potenziali clienti, aumentare le occasionidi business, stimolare e motivare i dipendenti. Inoltre l’evento sportivopermette al brand di essere percepito meno razionalmente e più emotivamente.

Questi risultati sono resipossibili grazie alla visibilità globale che l’evento si è conquistata durantegli anni. Nella passata edizione 1.8 mld di persone, in 192 paesi, hanno seguitola VOR; 17,500 sono stati gli articoli pubblicati, per un media value totale dicirca 533 milioni di euro.

Per Volvo l’esposizione nonè solo brand awareness ma aiuta a vendere le auto. Da un’indagine condottadalla casa automobilistica, emerge come esista una stretta connessione traappassionati della VOR e acquirenti dei propri prodotti.

La sponsorizzazione è stataaffiancata da azioni di attivazione della stessa. Due milioni ed ottocentomilapersone nella passata edizione hanno visitato i villaggi di tappa della regata,in queste occasioni sono state creati momenti di test drive delle automobili,sono stati invitati ospiti e business partner per un totale di circa 11.500persone in 11 tappe. Per l’edizione attuale saranno presentati, in vari paesi, lanuova XC60 ed i vari modelli speciali dedicati all’evento.

Il village delle regatadiventa quindi l’elemento più importante nella strategia di attivazione dellasponsorizzazione. Le strutture espositive mobili e l’hopitality diventano ilpunto di incontro tra azienda e clienti, tra brand e business, dove si creanomomenti di contatto di tipo esperienziale, che producono un ricordo positivocon il brand e con il prodotto. Village e attività per invitati della casaautomobilistica per i visitatori delle varie tappe.

Per il pubblico sono statecreate varie attrattive tra cui il “Life at the extreme” un simulatore che faprovare un’esperienza di vela, con movimenti, vento e suoni della Volvo OceanRace.

Per un numero selezionato diospiti invece, il programma di Volvo prevede, l’opportunità di provareun’esperienza reale sulle imbarcazioni Volvo Open 70 durante le regate pro-am,organizzate all’interno dei porti di sosta.

Delle attività sono statestudiate anche per gli altri partecipanti della competizione, gli altri team e glialtri sponsor. La Volvo ha offerto l’opportunità di utilizzare i propriprodotti, inoltre tutte le imbarcazioni partecipanti utilizzano motori egeneratori dell’azienda.

In tutte queste attività nonsono stati dimenticati i propri dipendenti. Per loro sono state previste dellespecifiche attività di comunicazione interna, con l’obiettivo di far capire aidipendenti come l’azienda utilizzerà la competizione.

L’insieme delle azionicitate, descrivono l’approccio strategico ed operativo della partnership diVolvo con l’evento il cui ritorno, in termici economici, è stato giudicatomolto positivo dall’azienda automobilistica che ha rinnovato lasponsorizzazione anche per la prossima edizione 2011-2012, già prima dell’avviodi quella attuale.

 

Continua … 

Share