Problemi per la quotazione di Fincantieri, anche il lusso scopre la crisi

Annullato l´ordine di un megayacht, slitta la costruzione delle nuovi navi da crociera.

Unmegayacht già previsto e cancellato; due navi da crociera che slittano neitempi di costruzione; tre traghetti che restano congelati in attesa di tempimigliori.

Nonche il quadro attuale sia negativo, tenuto conto soprattutto del fatto che ilprincipale cliente, la Carnival Corporation a cui fa capo anche la genoveseCosta, ha confermato tutti i suoi ordini. Ma i segnali che arrivano dagli StatiUniti non sono consolanti e già indicano una contrazione nella domanda dicrociere da parte del mercato.

Ilgruppo ha puntato sulla costruzione dei grandi yacht, barche lunghe intorno aicento metri, lussuosissime, un segmento nuovo, nel quale Fincantieri siconfronta con i principali competitor a livello mondiale e che presto porteràalla consegna, nel cantiere del Muggiano, di un megayacht lungo 130 metri perun imprenditore russo. Muggiano non potrà però più contare sulla costruzione diun altro megayacht, lungo 90 metri, visto che l´armatore ha cancellato l´ordine.

Cisarà invece uno slittamento dei tempi di costruzione delle due navi da crocierache il gruppo Oceania ha ordinato alla Fincantieri e per cui è stato indicatoil cantiere di Sestri Ponente. Restano infine "congelati" fino a datada destinarsi i tre megatraghetti che il gruppo Grimaldi di Navigazioneintendeva realizzare e per cui erano stati scelti i cantieri di Ancona e diCastellammare di Stabia.

Ilmomento non è dei migliori, a questo va aggiunto lo stop imposto dal governoalla quotazione in Borsa di Fincantieri. La decisione spetta ovviamenteall´azionista Fintecna (che fa interamente capo al ministero del Tesoro), ma ilsegnale che arriva dal governo è quello di una "pausa" in attesa ditempi migliori. «La disdetta del megayacht potrebbe avere una parziale ricadutaoccupazione sul Muggiano – spiega Michele D´Agostino, responsabile dellacantieristica della Uilm ligure – Oceania intende invece rivedere i tempi diconsegna delle navi ordinate (due più tre in opzione n. d. r.).

Fincantierici ha manifestato l´intenzione di procedere con una riorganizzazione internache prevede il rientro di alcune attività che erano state esternalizzate inquesti anni. Per D´Agostino resta comunque positivo il fatto che Carnival,principale cliente, ha confermato ordini e tempi di consegna, anche se isegnali che arrivano dal mercato della cantieristica, con ordini cancellati eflessione nella domanda di crociere, destano preoccupazione. 

Share