Alinghi, è sempre bello vederla in acqua

Alinghi vince la 73a edizione del Bol d’Or dopo 6 ore e 25 minuti di regata in condizioni di vento forte e stabilisce il nuovo record di percorrenza per la classe D35. Ernesto Bertarelli e il suo team hanno vinto il Bol d’Or per la sesta volta (l’ultimo successo risale al 2004), tagliando la linea d’arrivo alle 16:25 di sabato 18 giugno. Alle spalle di Alinghi è arrivato Foncia (con Michel Desjoyeaux al timone) che si è così classificato al secondo posto, seguito da Ylliam (timoniere Arnaud Psarofaghis) al terzo e da Okalys (timoniere il fuoriclasse franceseLoïck Peyron). Alinghi è riuscito a tenere sotto controllo dal punto di vista tattico tutta la regata, rimanendo al comando per la maggior parte del tempo. Con vittoria al Bol d’Or 2011, Ernesto Bertarelli e il suo team stabiliscono anche il nuovo record di percorrenza della classe D35. Il precedente primato risaliva al 2004 ed era stato stabilito da  Zebra 7 con 8h59’19’’.

L’equipaggio di Alinghi al Bol d’Or 2011 era composto da Ernesto Bertarelli (timoniere), Pierre-Yves Jorand (randista), Tanguy Cariou (tattico), Nils Frei (trimmer), Coraline Jonet e Yves Detrey (prodieri). Dopo soltanto due ore e quattordici minuti, Alinghi aveva già percorso metà della regata tra Ginevra e le Bouveret. Nel percorso di ritorno verso Ginevra, la regata è stata teatro di una continua battaglia tra i quattro team di testa. Al termine la distanza tra il primo e il quarto classificato è stata inferiore ai dieci minuti. Alinghi è riuscito a prendere il comando del gruppo all’ingresso del “Petit Lac” e a mantenere il vantaggio fino alla linea d’arrivo.

“Abbiamo fatto una partenza molto aggressiva che ci ha consentito di prendere il controllo della flotta sin dai primi minuti” ha spiegato Ernesto Bertarelli. “Il giro di boa a le Bouveret è stato particolarmente impegnativo dal momento che avevamo deciso di non dare i terzaroli e di continuare a navigare con tutta la randa  con più di 25 nodi di vento – ha continuato il patron di Alinghi, che ha poi aggiunto “oggi abbiamo navigato veramente bene, l’equipaggio ha fatto un gran lavoro durante tutta la regata, siamo sempre stati vicini ai nostri avversari e abbiamo sempre sfruttato al meglio ogni di salto di vento. Non abbiamo fatto grandi errori e questo sicuramente ci ha consentito di avere la meglio sui nostri avversari.

Vincere the Bol d’Or nelle acque di casa è davvero fantastico, specialmente sapendo che in questo modo il Bol d’Or rimane in famiglia visto che lo scorso anno lo aveva vinto lei a bordo del suo D35 Ladycat” Quella del Bol d’Or è stata l’ultima regata della stagione per i D35 sul lago di Ginevra.

Il prossimo appuntamento per la classe sarà a Beaulieu-sur-Mer, nel Suddella Francia (1-4 settembre) mentre l’ultimo Grand Prix dell’anno sarà disputato ad Antibes (22-25 settembre).

Share