Anche in Italia esplode la mania SUP

Esplode in Italia il fenomeno Stand up paddle comunemente conosciuto come SUP. Si chiama infatti “Sup” e l’acronimo sta per Stand up paddle, ovvero tavola da surf con pagaia. Esploso negli Stati Uniti, dove ci sono ormai in giro più di 1,5 milioni di “paddle”, è destinato, nella prossima stagione, a esplodere come fenomeno sportivo anche nel nostro Paese. L’idea di Mauro Terlizzi (nella foto) e Fabrizio Gasbarro (atleta di punta di questo movimento), con base a Fregene, è quella di lanciare il Sup attraverso eventi emozionali, dove gli atleti saranno sponsorizzati direttamente sulla pelle, con prodotti impermeabili anche all’acqua. In America è lo sport dei vip e degli attori di Hollywood; in Italia, invece, si vuole puntare sul target famiglia e sugli appassionati di wellness, che intendono tenersi in forma anche nel periodo estivo.
“L’idea del progetto Mirage Paddleboard è nata dal ritorno di una gara del campionato Italiano svoltasi il 19 Agosto 2012 a Cesenatico, dove il mio socio Fabrizio Gasbarro, è arrivato primo”, dichiara Mauro Terlizzi, uno dei fondatori di MPB. “L’amicizia che ci lega, risale a 32 anni fa, quindi un rapporto ben consolidato e testato nel tempo…Tornando alla scuola, abbiamo trovato lo stabilimento dove poter sviluppare tutte le attività (Miraggio Club), e fondare la Mirage Paddleboard. Fabrizio è stato per due anni campione Italiano, quest’anno è arrivato 2°, e sta comunque partecipando al campionato Europeo, dove si è sempre classificato 2° (è sponsorizzato dalla Fanatic, come atleta International).
 
La scuola che intendiamo fondare è teoricamente aperta alle lezioni, ma considerando che andiamo incontro all’inverno, sarà dura vedere molti partecipanti in acqua, che sicuramente quest’anno, saranno molti di più del 2012 passato. Alla scuola offriremo l’inserimento a questa disciplina, con lezioni di vari livelli, dal base, all’intermedio, al race per chi vorrà eventualmente partecipare alle gare…E’ chiaro che le maggiori attività saranno messe in acqua a partire dal prossimo mese di maggio, ma crediamo importante porre in questo autunno 2012 le basi per il calendario di eventi della prossima stagione. Oltre a ciò saremo presenti nei principali luoghi, europei e non, dove sta esplodendo il fenomeno SUP, perchè riteniamo essenziale aggiornarci e capire soprattutto quale sarà l’evoluzione futura di questo incredibile movimento sportivo, che abbraccia giovani e meno giovani, famiglie e atleti race, quindi vicini all’agonismo”.
Share