Chiuso il Seatec con buoni risultati

Hanno tutti il segno “più” i risultati di Seatec 2009, aumentati visitatori ed espositori per la settima rassegna internazionale delle tecnologie, subfornitura e design per yacht e imbarcazioni.

Ancora in aumento i visitatori, calcolati in 12.000, con un incremento del +7% sul 2008: un successo prevedibile visto che la rassegna svoltasi a CarraraFiere dal 5 al 7 febbraio ha ospitato 960 espositori (+11% rispetto al 2008) su un’area di 34.000 metri quadrati. Nella sola area dedicata al design “Abitare il Mare” erano presenti ben 140 espositori a testimoniare come la rassegna sia diventata un momento imprescindibile per chi opera nei settori più qualitativi del mercato. Record anche per gli espositori stranieri, che sono stati 320, provenienti da 31 paesi a dimostrazione dell’importanza internazionale raggiunta dalla manifestazione. “In una situazione di difficoltà oggettiva per l’economia mondiale poter mettere in campo questi “numeri” è motivo di soddisfazione e di orgoglio. L’importanza di Seatec nel panorama internazionale è molto evidente – commenta Giorgio Bianchini, presidente di CarraraFiere – e i riscontri li abbiamo avuti nel corso di tre giorni durante i quali abbiamo avuto visite di operatori ed esponenti di grande rilievo del mondo della nautica . La presenza del ministro Ronchi ha suggellato il ruolo raggiunto dalla nostra rassegna che è l’unica dedicata al trade in Italia. Infatti, accanto all’offerta espositiva, Seatec continua a presentare un calendario di convegni e concorsi. Questi ultimi sono stati ben cinque: il sesto MYDA – Millennium Yacht Design Award, la quindicesima Targa Rodolfo Bonetto, il terzo Abitare la Barca, il sesto Qualitec Technology Award e, novità assoluta, Qualitec Design Award, destinato alle aziende che esponevano componentistica e arredi per gli oggetti più rappresentativi della loro produzione seriale con un filo conduttore unico: l’innovazione tecnologica in tutte le sue forme.

Share