CNA Liguria vuole coordinamnto

Cna Nautica Liguria: “Necessario un piano regionale di nuovi scivoli per le barche”. Realizzare una nuova catena di scivoli pubblici di varo e alaggio delle imbarcazioni in Liguria per diportisti e turisti: lo ha proposto al 50/mo Salone Nautico Internazionale di Genova la Cna Nautica Liguria, il nuovo coordinamento delle piccole imprese nautiche. La necessità di un piano regionale di nuovi scivoli per le barche è stata manifestata dal responsabile Nautica di Cna Liguria, Gino Angelo Lattanzi: “è una priorità – ha detto – per garantire il minimo di attrezzature leggere utili allo sviluppo del turismo nautico da diporto carenti” secondo Cna in Liguria.

Sono 150.000 gli italiani ogni anno obbligati a muovere le loro barche lunghe fino a 12 metri su carrelli stradali. Il mercato dei carrelli è in aumento di 2.000 unità l’anno. Secondo Cna Nautica Liguria un nuovo piano regionale di scivoli pubblici incentiverebbe il turismo e l’economia ligure.

“Cna Nautica Liguria – ha sottolineato Lattanzi – è un nuovo coordinamento delle piccole imprese nautiche liguri, un settore che ha resistito alla crisi e con buone opportunità di sviluppo. Nuovi scivoli pubblici per le barche consentirebbero in più opportunità e incentivi per i diportisti”. In Liguria opera circa il 18% delleimprese nazionali del settore della nautica da diporto, che esprime un’occupazione di circa il 13% del totale del settore.

Share