Come previsto bye bye Venezia Challenge

Ieri l’ACRM, l’organizzazione che guida l’America’s Cup World Series e l’America’s Cup, ha annunciato che il team Venezia Challenge non parteciperà alla tappa di Cascais in quanto sono venuti meno i requisiti necessari di partecipazione all’evento. Infatti il team italiano non è stato in grado di procedere con l’acquisto del multiscafo AC45 con cui si corrono le AC World Series, eventi propedeutici alla Coppa America. di cui Cascais è la prima tappa.  Ian Murray, direttore di Regata e CEO di ACRM ha dichiarato “A seguito della scadenza dei termini per  la  partecipazione alla Coppa America, da questo weekend Venezia Challenge non fa più parte del gruppo degli sfidanti”. Lo sfidante italiano ha informato che non è in grado di soddisfare tali richieste entro il termine concordato. Di conseguenza il Golden Gate Yacht Club, ha notificato al Club Canottieri Roggero di Lauria che rappresenta la Sfida, che il Challenger italiano è stato esonerato dalla partecipazione.

“Venezia Challenge è venuta meno ai suoi impegni di continuare l’avventura in Coppa America”, ha detto Tom Ehman, Vice Commodoro del Golden Gate Yacht Club. Nel frattempo, i preparativi a Cascais, in Portogallo, continuano a ritmo sostenuto con i team in allenamento nelle condizioni di prova per l’evento di apertura dal 06 al 14 agosto.

SPECIFICHE: I requisiti che Venezia non ha rispettato riguardano il Protocollo 9.3:
9.3. – Entro il 10 giugno 2011, tutti i concorrenti devono stipulare un accordo con ACRM per l’acquisto di almeno un AC45, e devono aver pagato l’iscrizione con un deposito non rimborsabile di ACRM. Se un concorrente non è in grado di farlo cessa di essere ammissibile all’evento e a tutti i diritti ai sensi degli Articoli 5, 27 e 41. cfr protocollo

SQUADRE: Le otto squadre rimanenti per World Series e per la Coppa America:
Difensore – 1
Oracle Racing, il Golden Gate Yacht Club (USA)

Challenger – 7
Aleph-Equipe de France, Aleph Yacht Club (FRA)
Artemis Racing, Kungliga Svenska Segal Sallskapet (SWE)
China Team, Fan Mei Yacht Club (CHN)
Emirates Team New Zealand, Royal New Zealand Yacht Squadron (NZL)
Energy Challenge, Yacht Club de France (FRA)
GREEN COMM Racing, Real Club Nautico de Valencia (ESP)
White Tiger Challenge, Vela Yacht Club Corea (ROK)

 

Ora però la domanda che si pone è la seguente: quanto ha fatto comodo agli organizzatori poter dire che c’era un team italiano pronto a partecipare? La prossima Coppa dovrebbe essere l’evento che avrebbe avvicinato nuovi team, eppure dopo Mascalzone Latino continuano le defezioni. Sinceramente il contesto economico non può facilitare un evento pensato in questo modo e per quanto sarà spettacolare saranno sempre in pochi i team in acqua. SailBiz si dichiara disponibile ad ospitare le dichiarazioni di ACRM su questa defezione annunciata, perché veramente in pochi credevano alla sfida di Venezia Challenge.  (ACRM si è anche affrettata a rimuovere lo spazio web, pure quello che risponde al dominio www.veneziachallenge.com)

Share