Condizioni estreme per tutti, è il turno di Sanya

Aksel Magdahl, navigatore a bordo di Team Sanya, alle 0834 UTC di domenica 6 novembre ha informato la direzione di regata che la barca ha avuto problemi allo scafo. Come confermato dallo skipper Mike Sanderson al centro di controllo della Volvo Ocean Race: “La situazione è sotto controllo, nessuno è ferito, stiamo tutti bene ma siamo molto delusi.” La barca si trovava a circa 30 miglia a sud-est di Motril, sulla costa spagnola con condizioni meteo dure, circa 43 nodi di vento e mare molto formato. Gli speciali compartimenti stagni sono già stati chiusi, come precauzione viste le condizioni, e la barca sta facendo rotta verso Puerto de Motril. Raggiunta una zona di acque più calme, il team ha sospeso la competizione. La centrale operativa della Volvo Ocean Race è in contatto costante con il team per stabilire esattamente il danno in modo da dare il massimo supporto all’equipaggio e aiutarlo nel gestire la situazione.

Lo shore team di Azzam sta lavorando a un piano di emergenza per fare in modo che la barca possa riprendere la regata il prima possibile.

 

Share