EUROSAF, EUROPEAN YOUTH Sailing Games

Il primo giorno della prima edizione degli European Youth Sailing Games è trascorso all’insegna del vento da nord, naturale conseguenza dei temporali del primissimo mattino, che comunque non hanno guastato la giornata inaugurale di questa manifestazione organizzata dalla Fraglia vela Riva in collaborazione con l’Eurosaf. Ieri sera apertura ufficiale dell’evento con tutti i Team e le rispettive bandiere appartenenti alle 21 nazioni partecipanti. Passati i temporali la giornata è andata via via migliorando portando condizioni discrete per disputare 4 regate per la classe 29er, tre per i Byte M e F e due per le tavole Techno 293 (la seconda con riduzione di percorso per calo di vento, che per le varie classi è stato dagli iniziali 18 nodi fino agli 8-10 circa delle ultime prove). Dopo questa prima giornata le classi in cui sembra ci sia maggiore battaglia per le posizioni di vertice sono soprattutto quelle degli skiff 29er e i Techno maschili (in 3 punti i primi 5), ma è anche vero che siamo solo nel primo giorno di regate dei quattro previsti e quindi è ancora tutto possibile, considerato anche il fatto che nei prossimi giorni il tempo dovrebbe essere buono e quindi dovrebbe soffiare nuovamente il classico vento da sud che solitamente oscilla dai 14 ai 18 nodi, mentre oggi le ultime due regate con vento leggero in alcune classi hanno un po’ alterato  la classifica generale provvisoria.
Techno 293 maschile
27 partecipanti, 10 nazioni
Sei nazioni nei primi dieci con l’inglese Martin -campione del mondo Techno under 17 del 2011 – in testa per 1 punto (1-4 i parziali) sul russo Zagainov (4-2) in parità con il bielorusso Javadav (3-3). L’ italiano (Windsurfing Club Cagliari) Michele Cittadini è quarto a soli 2 punti dal primo e soprattutto con una bella vittoria parziale dopo un iniziale sesto.

Techno 293 femminile
17 partecipanti, 7 nazioni
Anche tra le donne dei Techno il livello è al top: è una battaglia tra campionesse del mondo, l’italiana Marta Maggetti (Windsuring Club Cagliari) e le sorelle inglesi Saskia e Imogen Sills (rispettivamente prima e terza under 17 ai recenti mondiali Techno di San Francisco). La Maggetti ha iniziato facendo vedere subito la sua classe: non si è fatta intimorire dalle fortissime biondine inglesi e con due primi è al comando con 5 punti di vantaggio su una delle sorelle Sills (4-3), Imogen; terzo posto per la bielorussa Elfutina (6-2), ma è pronta ad attaccare l’altra Sills, Saskia (prima al mondiale di San Francisco), che con un terzo e un tredicesimo è sesta, ma sicuramente punterà al podio. Ottava l’altra italiana in gara, Elena Vacca.

Byte CII maschile
7 partecipanti, 5 nazioni
Numero di partecipanti basso per la classe Byte, ma livello buono. Tra i maschi prende il volo in questa prima giornata il figlio d’arte Michele Benamati, atleta della Fraglia Vela Riva, che ha realizzato tre belle vittorie. Distaccato di 6 punti il danese Guldberg (4-2-3), al terzo posto lo sloveno Zelko (5-4-2), ma a pari punti c’è il russo Sheludyakov (3-3-5). L’altro italiano portacolori della Fraglia Vela Riva è quinto: dopo un secondo, ha accumulato due sesti.

Byte CII femminile
9 partecipanti, 6 nazioni
La danese Beher ha iniziato subito forte con tre vittorie; la neo-campionessa del mondo Laser Cecilia Zorzi, trentina portacolori della Fraglia Vela Riva è seconda con parziali in crescita (4-3-2). In terza posizione l’altra italiana (Fraglia Vela Riva) JoiceFloridia (6-2-3).

29er Open
24 barche partecipanti (x2), 7 nazioni
Sei nazioni nei primi dieci; in testa gli inglesi Payne-Berry, che dopo due ottavi hanno infilzato una vittoria e un secondo, che li ha portati primi con 5 punti di vantaggio sui polacchi Piasecka Sara-Kalinowski (tredicesimi ai recenti Campionati Europei), che dopo un 1-3 sono scivolati in un quindicesimo per riprendersi rapidamente con un ultimo quinto: con lo scarto diveteranno subito pericolosi.. Terzi e due punti dietro i danesi Stephensen-Thusgaard, anche loro bene nelle prime due regate (2-4), ma tredicesimi nella terza regata e poi settimi nella quarta. Regolare ma senza acuti gli inglesi Hawkins-Thomas, quarti, mentre una giornata in continuo miglioramento per i finlandesi Ruskola-Cedercreuts: 14-12- 4 e un pruimo finale invidiabili! Primo degli italiani l’equipaggio femminileRaggio-Colombi, undicesime (9-14-10-9). I campioni europei e del mondoRobles-Trittel per ora sono solo decimi con posizioni assai alterne: 20-1-16-3; anche per loro lo scarto farà la differenza.

GALLERIA FOTOGRAFICA

Share