Cantieri

Nuova creatura by Tankoa Yachts

Classe, eleganza, originalità, performance. Che dire dell'ultimo nato di casa Tankoa? Sicuramente che le linee originali lo rendono unico nel suo genere e che l'approccio moderno alla progettazione fa si che sia solo per armatori esigenti. Sembrerebbe che le prime prove in mare siano entusiasmanti. Il nuovo S501 M/Y Vertige quindi colpisce favorevolmente. Le prestazioni del 50 metri M/Y Vertige si sarebbero dovute ottenere e basare su condizioni di mare calmo e 5 nodi di vento. La prova in mare ha invece visto lo yacht affrontare un’onda corta di 70 centimetri, ma un vento di tramontana da 25 fino a 30 nodi. Edoardo Ratto – General Manager di Tankoa Yachts – commenta: “La prima prova in mare durata circa 8 ore è stata semplicemente incredibile. Vertige ha raggiunto la velocità massima di 16,5 nodi con un carico del 60 per cento (circa 33.000 litri di gasolio e oltre 20.000 di acqua). L’S501 ha un’autonomia di oltre 5.000 miglia nautiche a 13,5 nodi di velocità, che fa una vera differenza quando si attraversa l’Atlantico. Le vibrazioni sono inesistenti e il livello di rumore è inferiore a quanto previsto dalle specifiche: basti pensare che nella cabina armatoriale e in quella Vip si rimane al di sotto dei 50 decibel”.

News of the week

Successo di voti per il Velista dell'Anno 2016

Grande successo del voto on line per scegliere Il Velista dell’Anno 2016, la Barca, l'Armatore -Timoniere e il Club dell’Anno. La parola passa alla giuria. La proclamazione dei vincitori lunedì 6 marzo a Villa Miani (Roma). Cristiana Monina affiancherà Alberto Acciari nella conduzione dell'evento.

Si sono chiuse ufficialmente ieri sera venerdì 3 marzo alle ore 20.00, le votazioni on line per scegliere i candidati agli Oscar della Vela Italiana nelle quattro categorie Barca, Armatore timoniere, Club e Velista dell’Anno.

La manifestazione organizzata da Acciari Consulting, giunta alla sua 23a edizione, ha il supporto della Federazione Italiana Vela come partner istituzionale e di Ucina Confindustra Nautica e Salone Nautico di Genova.

Stampa

Este24, la classe più divertente; al via la Lunga Bolina

on . Posted in Altura

Circuito Nazionale Este 24: la stagione 2017 prende il via sabato 22 aprile con la 6ª edizione della Coastal Race, inserita nella prestigiosa "La Lunga Bolina". A Santa Marinella fervono i preparativi per "La Prima" ed originale del Circuito Nazionale 2017,  la Coastal Race apre il campionato per i monotipi Este24, una flotta sempre in fermento e con un seguito numeroso di armatori, appassionati delle regate a bastone, condito con regate costiere sempre molto spettacolari. E' tutto pronto per la 6ª edizione della Coastal Race, dedicata agli armatori di Este 24 di tutta Italia che si sfideranno da sabato 22 fino a lunedì 24 aprile, organizzata dal Circolo Canottieri Aniene all'interno della ben nota regata offshore di 135 miglia : "La Lunga Bolina". Il format di quest'anno "rivisitato" dal Consiglio Direttivo, approvato dal Circolo organizzatore, in collaborazione con il Circolo Nautico Vela Argentario , il Circolo Nautico Guglielmo Marconi e lo Yacht Club Santo Stefano, consiste in una regata long distance per navigatori incalliti da Santa Marinella a Porto Ercole per un totale di quasi 40 miglia; segue poi , il giorno dopo, un'altra regata long distance più corta da Porto Ercole, Giannutri, Formica di Burano e Porto Ercole per circa 25 miglia, per terminare alla terza regata con partenza il lunedì 24, con il periplo dell' Argentario, da Porto Ercole a Porto Santo Stefano per circa 16 miglia. La scelta di questo nuovo format per la Coastal Race, sempre di 80 miglia circa in totale, è stata ponderata in virtù del fatto che la seconda tappa del Circuito si svolgerà proprio nelle acque di Santo Stefano, alla metà di maggio, ospiti dell'omonimo Yacht Club.

Stampa

Nuova creatura by Tankoa Yachts

on . Posted in Cantieri

Classe, eleganza, originalità, performance. Che dire dell'ultimo nato di casa Tankoa? Sicuramente che le linee originali lo rendono unico nel suo genere e che l'approccio moderno alla progettazione fa si che sia solo per armatori esigenti. Sembrerebbe che le prime prove in mare siano entusiasmanti. Il nuovo S501 M/Y Vertige quindi colpisce favorevolmente. Le prestazioni del 50 metri M/Y Vertige si sarebbero dovute ottenere e basare su condizioni di mare calmo e 5 nodi di vento. La prova in mare ha invece visto lo yacht affrontare un’onda corta di 70 centimetri, ma un vento di tramontana da 25 fino a 30 nodi. Edoardo Ratto – General Manager di Tankoa Yachts – commenta: “La prima prova in mare durata circa 8 ore è stata semplicemente incredibile. Vertige ha raggiunto la velocità massima di 16,5 nodi con un carico del 60 per cento (circa 33.000 litri di gasolio e oltre 20.000 di acqua). L’S501 ha un’autonomia di oltre 5.000 miglia nautiche a 13,5 nodi di velocità, che fa una vera differenza quando si attraversa l’Atlantico. Le vibrazioni sono inesistenti e il livello di rumore è inferiore a quanto previsto dalle specifiche: basti pensare che nella cabina armatoriale e in quella Vip si rimane al di sotto dei 50 decibel”.

Stampa

Ing. Carlo Riva, ci lascia un innovatore

on . Posted in Cantieri

La lancia dei pescatori più bella del secolo trasformata in un'imbarcazione elegante ed unica nel suo genere. In tutto il mondo ha saputo farsi conoscere per lo stile del suo ideatore: l'ingegner Carlo Riva. Si spegne oggi all'età di 95 anni un innovatore di stile e classe che ha fatto del suo brand un simbolo di bellezza ed eleganza. Il suo cantiere aveva trovato origine sulle sponde del Lago d'Iseo, ma le brache uscite da esso hanno fatto il giro del mondo. In quei pochi metri c'era tutto il fascino di un progettista visionario. Quando si parla di Riva si pensa a lei la barca che ha fatto impazzire VIP e modelle. L'ingegner Riva era considerato da tutti un pioniere . Oggi il marchio Riva, in mano agli americani della Whittaker, è proprietà del gruppo Ferretti, mentre la famiglia Riva ne è uscita definitivamente negli anni '90. Il cantiere Riva ha guadagnato notorietà. Dal nonno Pietro al padre Ernesto, Carlo ha degnamente rappresentato una dinastia di grandi designer della nautica mondiale. Arrivederci Ingengere!

ISAF

La FIV si regala due super tecnici con palmares

Per il prossimo quadriennio la FIV cala due pezzi da 90. E' quanto annunciato in occasione della serata Velista dell'Anno, svoltasi a Villa Miani ieri, 6 marzo. Il presidente Ettorre aveva annunciato già che si voleva lavorare a portare all'interno degli organi tecnici persone di alto livello "titolati" per dare alle squadre olimpiche il "killer instinct" mancato a Rio! Presentati due importanti innesti nello Staff Tecnico della FIV: lo sloveno tre volte medaglia olimpica Vasilij Zbogar e il vincitore della Coppa America 2010 Matteo Plazzi. Durante la serata sono stati inoltre premiati dal Presidente federale Francesco Ettorre gli atleti che nel 2016 hanno ottenuto risultati di rilievo internazionale nelle classi d’interesse giovanile. Si è appena conclusa a Roma, a Villa Miani, la serata dedicata alla premiazione del Velista dell’Anno 2016, evento organizzato da Acciari Consulting che ha nella Federazione Italiana Vela un importante partner istituzionale.  Nel corso dell’evento, cui erano presenti i vertici della FIV, a partire dal Presidente Francesco Ettorre, e che ha proclamato l’Olimpionico di Rio 2016 nella tavola RS:X Mattia Camboni Velista dell’Anno per il 2016. La Federvela, prima di premiare gli atleti delle classi d’interesse giovanile che hanno conseguito risultati di rilievo internazionale nel corso della scorsa stagione di regate, ha presentato due nuovi, importanti innesti nello Staff Tecnico guidato da Direttore Tecnico Michele Marchesini, che vanno a rinforzare la squadra di Tecnici Federali al lavoro per il quadriennio olimpico 2017-2020. 

Saloni

Ucina e Salone Nautico protagonisti al Velista dell'Anno

Il premio Velista dell'Anno resta un evento utile a tutto il comparto della nautica perché dà l'occasione agli operatori del settore di fare il punto della situazione sulla stagione che verrà . Così è stato, visto che tra i promotori dell'evento oggi, gli organizzatori di Acciari Consulting, possono contare sia su Ucina che Salone Nautico. Nell'occasione interessante la presentazione del punto normativo esposta da Ucina. Spesso il settore è stato vittima per incompetenza politica di norme semplici e ad uso di tutti. Quella sul VHF per esempio non è una norma che semplifica il settore. 

Oceano

Australia di nuovo nel cuore della VOR

Ci sarà un regalo in più sotto l'albero degli appassionati della Volvo Ocean Race il prossimo Natale: la città australiana di Melbourne che è stata aggiunta come sede di tappa addizionale alla rotta dell'edizione 2017/18, che partirà dal porto spagnolo di Alicante il prossimo ottobreLa variazione della rotta 2017/18 è stata annunciata venerdì 27 gennaio nella città australiana. Australia che, con questa tappa, raggiungerà quota otto nella storia del giro del mondo a vela in equipaggio. La regata, inoltre, tornerà a Melbourne dopo oltre dieci anni. Si tratterà di uno stopover compresso, Melbourne si inserisce fra Città del Capo e Hong Kong, che completa la rotta, lunga oltre 45.000 miglia e che vedrà gli equipaggi percorrere un numero record di miglia nei pericolosi oceani meridionali: ben tre volte più che nelle passate edizioni. La Città del Capo/Melbourne sarà la terza tappa della regata, assegnerà punti doppi e sarà lunga 6.300 miglia. Melbourne ospiterà l'evento per una settimana ma non ci saranno In-Port Race, prima della ripartenza per la quarta tappa con destinazione Hong Kong.