Oceano

Stampa

OMEGA si lega al Giro del Mondo Volvo

on .

Manca esattamente un mese alla potenza dell’edizione 2017/18 della Volvo Ocean Race e le notizie e le novità continuano ad arrivare: OMEGA è l'Official Timekeeper della regata, Peter Burling e Martine Grael sono canditati al titolo di Velista dell'Anno 2017 e la flotta si prepara al Prologo. OMEGA sarà l’Official Timekeeper della Volvo Ocean Race 2017/18. Il prestigioso produttore svizzero è leader nel settore dell’orologeria sportiva e ha una lunga storia in eventi di altro livello. Prima di diventare partner della Volvo Ocean Race, dal 1932 a oggi Omega è stato Official Timekeeper in 27 diverse edizioni dei Giochi Olimpici ed è stato anche sponsor di Emirates Team New Zealand in molte campagne  di Coppa America, inclusa quella vincente di quest’anno. Raynald Aeschlimann, Presidente e CEO di OMEGA ha detto a proposito della collaborazione: “E’ un progetto molto interessante per OMEGA, ed è anche un privilegio. Conosciamo bene il mondo della vela, e crediamo che la Volvo Ocean Race incarni perfettamente lo spirito del marchio, il nostro amore per l’esplorazione e la ricerca continua dell’eccellenza. E’ un’opportunità unica e non vediamo l’ora di dare una mano ai velisti con il nostro sistema di cronometraggio.”

Stampa

C'è più Italia nella VOR, ma questa volta grazie ad una triestina

on .

Giovane, forte, carina, esperta con due olimpiadi sulle spalle, l'ultima delle quali da assoluta protagonista. Aviere dell'Aeronautica Militare simpatica e triestina doc: si chiama Francesca Clapcich e realizza un sogno, quello di molti velisti, la Volvo Ocean Race. La triestina Francesca Clapcich è stata confermata con Turn the Tide on Plastic, l'equipaggio misto composto da giovani e guidato dal mito della navigazione oceanica Dee Caffari. E' la prima velista italiana a prendere parte al giro del mondo a vela in equipaggio dall'edizione 1989/90. Triestina, ventinove anni,una laurea in Scienze Motorie, una lunga esperienza velica e due partecipazioni ai Giochi Olimpici, nel 2012 a Londra nella classe Laser Radial e a Rio 2016 nei 49er FX in coppia con Giulia Conti: questa è Francesca Clapcich, la velista italiana che è stata confermata nell'equipaggio di Turn the Tide on Plastic della skipper britannica Dee Caffari per la Volvo Ocean Race 2017/18. Erano 27 anni che il nostro paese attendeva, dato che l'ultima atleta italiana ad aver preso parte alla regata, nel 1989/90 fu Annabella Bini su Gatorade di Giorgio Falck.

Stampa

C'è più Italia nella VOR, ma questa volta è merito di una triestina

on .

Giovane, forte, carina, esperta con due olimpiadi sulle spalle, l'ultima delle quali da assoluta protagonista. Aviere dell'Aeronautica Militare simpatica e triestina doc: si chiama Francesca Clapcich e realizza un sogno, quello di molti velisti, la Volvo Ocean Race. La triestina Francesca Clapcich è stata confermata con Turn the Tide on Plastic, l'equipaggio misto composto da giovani e guidato dal mito della navigazione oceanica Dee Caffari. E' la prima velista italiana a prendere parte al giro del mondo a vela in equipaggio dall'edizione 1989/90. Triestina, ventinove anni,una laurea in Scienze Motorie, una lunga esperienza velica e due partecipazioni ai Giochi Olimpici, nel 2012 a Londra nella classe Laser Radial e a Rio 2016 nei 49er FX in coppia con Giulia Conti: questa è Francesca Clapcich, la velista italiana che è stata confermata nell'equipaggio di Turn the Tide on Plastic della skipper britannica Dee Caffari per la Volvo Ocean Race 2017/18. Erano 27 anni che il nostro paese attendeva, dato che l'ultima atleta italiana ad aver preso parte alla regata, nel 1989/90 fu Annabella Bini su Gatorade di Giorgio Falck.

Stampa

La Volvo si adegua a cicli di sponsorizzazione biennali

on .

 Gli eventi sportivi di tutto il mondo si basano sul concetto di "certezza nella pianificazione". Questo è il mantra per avvicinare aziende allo sport, aziende che hanno regole molto rigide sulla pianificazione dei budget, dei mercati in cui investire, del personale da coinvolgere e delle opportunità di marketing, comunicazione e commerciali da sviluppare. Se è vero che l'America's Cup è l'evento sportivo più antico al mondo, è anche vero che è l'evento dove giocano solo ricchi imprenditori e non imprese multinazionali che devono rispondere a logiche serie di progettazione. Per questo motivo, e per competere con eventi sportivi globali come la FIFA World Cup e i Giochi Olimpici, la Volvo Ocean Race ha deciso cambiare format e sfruttare una cadenza biennale atta ad avvicinare un maggior numero di aziende o quanto meno a rendere semplice ad un maggior numero di team di competere con una progettazione a lungo termine. In quest'ottica deve essere letto l'annuncio dato da Mark Tuner, CEO di Volvo. Nel 2019 l'edizione numero 14