Le aziende su quali valori della vela potrebbero comunicare?

Il successo di Marco Gradoni, il giovanissimo velista dell’anno 2019 per la Rolex, ha suscitato grande interesse e per questo motivo ritorniamo sul tema per approfondire alcuni aspetti legati alle potenzialità dei testimonial sportivi in generale e testimonial velisti in particolare, nel mondo corporate. Quali sono i valori che le aziende potrebbero sposare per comunicare meglio e quindi finalizzare i propri investimenti nel mondo della vela?

VELA E COMUNICAZIONE STRATEGICA

In un precedente articolo di SailBiz abbiamo affrontato l’argomento vedendo in Marco Gradoni un ottimo investimento a lungo termine e quindi un’opportunità per l’azienda che si legasse a lui con una piano strategico di comunicazione. Questo perché l’azienda che non conosce la vela o il velista, avrebbe più tempo per tarare la propria comunicazione, interna ed esterna, mentre l’azienda che già conosce questo sport potrebbe affinare il ritorno sull’investimento.

L’OPINIONE DI CRISTIANA MONINA

Ma per capire realmente se questa ottica è condivisibile, abbiamo chiesto a Cristiana Monina velista, giornalista, coach ed esperta di marketing e formazione se le aziende possono identificare in questo sport dei valori utili al proprio business.

“Le aziende sono continuamente in cerca di storie, storie vere da raccontare che identificano i loro valori. Qualsiasi sportivo è una potenzialità in termini di immagine. Marco mi suscita l’immagine di una figura giovane, vincente, pura che incarna i valori della disciplina, metodo, del rispetto delle regole, della collaborazione, preparazione, determinazione, obiettivi, passione, crescita questo per dare solo alcuni dei tanti punti e spunti che le aziende dovrebbero cogliere per raccontare i loro prodotti e servizi”.

Interessante l’elenco di valori che un talento della vela può donare alla comunicazione aziendale. Molto calzante il passaggio che le aziende hanno negli sportivi tanti punti e spunti da cogliere per disegnare o semplicemente raccontare i propri prodotti.

LE AZIENDE NON HANNO CORAGGIO

Forse a volte le aziende peccano di coraggio e puntano, spendendo il doppio se non il triplo, su campioni consolidati che danno un ritorno sull’investimento nel brevissimo. Vedere un’azienda come eCampus , università online, puntare tutto su Cristiano Ronaldo per la propria immagine, lascia qualche perplessità. Ronaldo è un super campione positivo e vincente dal punto di vista dell’immagine, forse può essere considerato esso stesso un’azienda, ma sicuramente non uno studente modello.

 

LA VELA UNA DISCIPLINA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE

Tornando alla vela spesso questa disciplina è associata alle attività di formazione perché rappresenta uno strumento dinamico e interattivo a servizio della formazione motivazionale. Attraverso il lavoro a bordo, l’azienda possono migliorare le proprie capacità comunicative verso obiettivi condivisi.

Non a caso Cristiana è titolare di una delle principali società di formazione, grazie alla sua trentennale esperienza nel settore della nautica, la Cristiana Monina Nautical Events, si occupa infatti di organizzazione di eventi Sportivi – Aziendali. Questo perché la vela resta sono un ottimo modo per formare incentivare, intrattenere e comunicare.

 

Ascolta il podcast di SailBiz su questo argomento