Melges 32 World League

Melges World League parte la stagione in Sardegna

Melges 32 World League

Melges 32 in azione in Sardegna

Inizia la stagione della Melges World League. Tutto pronto per la stagione 2019 in Europa della classe Melges 32.
Si inizia a Villasimius in Sardegna dove nel weekend si sfideranno oltre 50 equipaggi. A seguire anche gli scafi più piccoli del cantiere Melges.
Ha così inizio la nuova edizione della Melges World League, il circuito riservato alle classi Melges 32, Melges 20 e Melges 14. Un format di successo della serie che si disputa in Mediterraneo per la flotta Melges 32. Le flotte Melges 14 e Melges 20 si sommano anche gli appuntamenti in Nord America e Giappone. Novità per questi eventi, riferimento per gli appassionati della vela ad alte prestazioni.


MELGES WORLD LEAGUE – NOVITA’

La prima novità della stagione mediterranea Melges World League porta il nome di Villasimius, località e campo di regata (con l’organizzazione del Marina di Villasiumius e della Lega Navale Italiana – Sezione di Villasimius ) che mai fino ad ora aveva accolto un evento Melges. Oltre alla classe Melges 32 anche la flotta Melges 20 aprirà da qui la propria stagione mediterranea dal 26 al 28 aprile); Villasiumius, inoltre, sarà anche il palcoscenico per l’atteso Melges 24 World Championship 2019, in programma dal 5 al 12 ottobre, a completamento di un trittico di regate Melges incentrato su questa splendida location.

MELGES 32 – TREDICESIMA STAGIONE

Gli occhi sono dunque tutti puntati ora sulla Classe Melges 32 che si appresta a dar vita alla propria tredicesima stagione consecutiva di regate e di circuito, essendo la flotta costantemente attiva dal 2007.
Di grande spessore, come tradizione, la entry list e i nomi dei velisti che compongono gli equipaggi Melges 32 che, tra qualche giorno, daranno la caccia ai primi punti della ranking mondiale e al “numero 1”di circuito conquistato lo scorso anno dal team italiano Giogi di Matteo Balestrero che, per la stagione della conferma, schiera alla tattica Matteo Ivaldi. Matteo Balestrero guida la compagine italiana, la più consistente della flotta Melges 32 2019, di cui fanno parte anche altri team che hanno già conquistato titoli importanti in questa classe: tra questi i già Campioni Europei Melges 32 Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato (affiancato alla tattica dallo sloveno Branko Brcin) e Torpyone di Edoardo Lupi e Massimo Pessina (con il portoghese Hugo Rocha) a cui si aggiunge il già vincitore di circuito Calvi Network di Carlo Alberini (affiancato dallo sloveno Carlo Hmeliak). Altro team che ha già fatto proprio in passato un circuito è quello di G.spot del monegasco Giangiacomo Serena di Lapigio (con Michele Paoletti).

TEAM DA TENERE D’OCCHIO

Pronti a giocare in attacco, per puntare al successo sia di tappa che al bersaglio grosso stagionale, sono i team di Donino di Luigi Giannatasio (con un super afterguard composto dal duo Manuel Weiler e Sebastian Col) così come l’altro tema italiano di Caipirinha di Martin Reintjes che si affida all’esperienza in pozzetto di Gabriele Benussi e Alberto Bolzan. La flotta azzurra si completa con il ritorno in questa classe di Vitamina di Andrea Lacorte affiancato nelle scelte tattiche da Tommaso Chieffi e con la confermata presenza nella classifica corinthian di Dumbovit di Alessandro Lotto e Flavio Campana (tattico Duccio Colombi).

Presente al via anche il due volte Campione del Mondo (2017 e 2018) Tavatuy dell’armatore russo Pavel Kuznetsov come sempre coadiuvato alla tattica da Evgeny Neugodnikov.
Mascalzone Latino in azioneLa Germania si presenta con ben tre equipaggi che rispondono ai nomi di Wilma di Fritz Homann con Nico Celon, Sjambok di Jens Kuhne (alla tattica l’olandese Wouter Sonnema) e Homanit di Kilian Holzapfel (anche per lui un tattico “orange”, Jolbert Van Djik) che difenderà il titolo conquistato lo scorso anno nella classifica corinthian.

Completa la entry list di questo primo appuntamento (laddove altri team entraranno a far parte della Melges 32 World League nel corso della stagione) il team polacco di Casino Royal di Waldemar Salata che conferma alla tattica il croato Tomislav Basic.