Napoli al centro della Coppa America

Sono 110 i container che entro giovedì saranno sul lungomare di Napoli per costruire una vera e propria città della vela provvisoria, composta dall’area tecnica e dal villaggio delle regate delle World Series di Coppa America che si disputeranno dal 18 al 21 aprile. Circa 500 persone, a regime, lavoreranno nella grande area tecnica che occupa una vasta porzione del lungomare, dall’incrocio con Piazza della Repubblica fino alla fine dell’area della rotonda Diaz.

Le nove basi dei team che si sfideranno nella acque del Golfo di Napoli per l’ultimo atto delle World Series sono già state allestite e gli addetti ai catamarani sono al lavoro per assemblare le barche e sistemare tutto il necessario per le regate: si tratta di grandi hangar di 25 metri di profondità. La prima area tecnica accanto a Piazza della Repubblica è quella di Luna Rossa, poi via via le altre, fino a quella di Oracle che chiude l’area tecnica dal lato opposto: le due principali sfidanti per il titolo della World Series, Luna Rossa e Oracle, appunto, sono quindi molto distanti l’una dall’altra. I catamarani AC45, ha spiegato il direttore di regata Ian Murray, gli stessi che si sfidarono lo sorso anno, saranno messi in acqua giovedì e, visto che le previsioni sono buone, dovrebbero restarvi per tutta la durata delle regate: la sera saranno ormeggiate nello specchio d’acqua accanto al molo di Mergellina e potranno quindi essere ammirati dagli appassionati del lungomare. E’ in via di ultimazione anche l’area riservata agli studi televisivi, composta da venti container in cui, a regime, lavoreranno circa 100 persone. (ANSA).

Share