Nuova puntata del podcast di Sailbiz


Buongiorno a tutti voi marinai o semplici appassionati del sailing e dello yachting. Questo è il secondo numero del podcast settimanale di Sailbiz e io sono Alberto Morici:

  • In questa puntata parleremo dei dati della nautica italiana presentati al salone di Genova
  • Delle prime prove in acqua del monomarano neozelandese di Coppa America;
  • Infine di Oceano. Il nuovo format del giro del mondo a tappe in equipaggio

ASCOLTA LA SECONDA PUNTATA

Dicevamo sono PRESENTATI I DATI DEL SETTORE DELLA NAUTICA AL CONVEGNO “BOATING ECONOMIC FORECAST”; PER IL QUARTO ANNO di fila la nautica italiana è in CRESCITA A DOPPIA CIFRA. CRESCE L’EXPORT, ITALIA SECONDO ESPORTATORE GLOBALE

NAUTICA IN CIFRE

Infatti nella nuova edizione della Nautica in Cifre, l’annuario statistico realizzato dall’Ufficio Studi di UCINA Confindustria Nautica giunto alla sua alla sua 40a edizione, i dati del 2018 mostrano valori interessanti che fanno ben sperare per il quadro economico dell’industria italiana della nautica di diporto.

Il fatturato globale del settore nel 2018 pari a 4,3 miliardi di euro, con un 10% in più rispetto al 2017.  L’industria nautica ha avuto una ripresa significativa e consolidata: a partire dai minimi del 2013, infatti il fatturato ha registrato un incremento del 75%, una performance che nessun altro settore industriale in Italia è stato in grado di generare.

Aumenta anche il numero degli addetti del settore diretti che con un totale di 22.310 unità si porta a +13% sul 2017). Così come il contributo della nautica al PIL che è in aumento del 10,6% rispetto all’anno precedente).

Cresce, infine, a conferma di un trend positivo per tutto il settore:

  • cantieristica (2,75 miliardi di euro),
  • dagli accessori (1,16 miliardi di euro)
  • dai motori (358 milioni di euro).

Positivi, sulla scia degli anni scorsi, anche i dati sulle esportazioni, settore che ha permesso all’industria nautica nazionale di reagire alla crisi degli scorsi anni grazie all’eccellenza della produzione italiana, riconosciuta in tutto il mondo, che confermano l’Italia leader internazionale nella produzione di Superyacht (barche sopra i 24 metri). Infatti secondo il Global Order Book, l’Italia raccoglie il 46% degli ordini mondiali, l’indice mondiale degli ordini dei superyacht, l’Italia si conferma primo al mondo    anche nel comparto delle unità pneumatiche per il segmento superiore ai 7 metri.

Per quanto riguarda i principali mercati esteri, al primo posto si trovano gli USA con il 23,9% delle esportazioni dall’Italia di unità da diporto, per un valore di 476 milioni di dollari.

 PRESIDENTE UCINA

Carla Demaria
e Saverio Cecchi

Saverio Cecchi, Presidente UCINA Confindustria Nautica: “I dati presentati oggi confermano che il nostro settore è quello su cui il governo deve puntare per far crescere economia e occupazione, in particolare per il significativo incremento della forza lavoro, che nell’ultimo biennio ha registrato una crescita di oltre il 20% degli addetti diretti”.

 

 

 

COPPA AMERICA

Emirates Team New Zealand christen their first AC75 at their team base in Auckland
36th America’s Cup

Per quanto riguarda la Coppa America, corre nelle acque del Golfo di Auraki il delfino neozelandese. L’imbarcazione oltre ad essere bellissima ha dimostrato una grande potenza e velocità nelle acque calme. Forse non brillante nell’uscita dall’acqua e nella capacità manovriera. Ancora non si è riuscito a regolare con un full foiling anche in virata. Invece l’imbarcazione statunitense di American Magic, il team del New York Yacht Club che ha impressionato per il profilo aerodinamico dello scafo, non a caso main partner c’è AIRBUS la compagnia americana produttrice di aeromobili. Lo scafo americano ha impressionato gli addetti ai lavori per la velocità, la capacità di mantenere il full foiling in manovra e soprattutto nella potenza sulle andature portanti.

Cresce l’attesa per il varo di Luna Rossa che secondo le indiscrezioni dell’agenzia Ansa sarà il 2 ottobre a Cagliari.

OCEAN RACE

Ultimo tema la Ocean Race, la regata che rinasce dalle ceneri della Volvo Ocean Race. Dopo l’annuncio che la tappa finale sarà ospitata a The Hauge in Olanda, presentata anche la seconda tappa di Capo Verde. Se la città olandese non è nuova, bensì è la terza volta che ospita il giro del mondo in equipaggio a tappe, le isole capoverdiane sono all’esordio. Dopo Alicante, The Haugue e la città danese di Aarhus , Capo Verde si aggiunge alle host cities. In questi giorni a Genova si sta parlando anche di stato di salute degli oceani con uno dei 5 eventi organizzati in giro per il mondo per sensibilizzare la comunità politica e imprenditoriale sull’importanza di avere un globo bagnato da mari sani in salute. La Ocean Race si svolgerà nel biennio 2021 – 22