Per team Sanya, un pool di sponsor internazionali

Il vicesindaco di Sanya, Wu Yanjun, ha concordato nel dire che la sua città avrà grandi benefici da questa opportunità. “Ospitare manifestazioni come la Volvo Ocean Race migliorerà direttamente anche le nostre strutture per la vela e la nautica.” “Possiamo sfruttare questa chance per migliorare la nostra immagine come destinazione turistica, dimostrando di essere in grado di ospitare eventi di livello mondiale. Team Sanya sarà un ottimo portacolori per promuovere la città e Hainan nel mondo.”

 

Conosciuta come l’ “Hawaii dell’oriente”, Sanya si trova nella provincia cinese di Hainan è ha vinto la dura competizione per diventare una delle dieci sedi di tappa della regata 2011-12. La località esatta che accoglierà la flotta è is Luhuitou Bay, dove i lavori di costruzione verranno ultimati per l’agosto 2011, facendola così diventare una marina di livello internazionale.

La precedente partecipazione della Cina nella regata fu nell’edizione 2008/2009 con il team Green Dragon, che rappresentava anche l’Irlanda. E ci sarà ancora un sapore irlandese nel Team Sanya , visto che l’ente di promozione del turismo dell’isola, Discover Ireland, ha rinnovato il suo supporto come sponsor secondario. Uno dei maggiori produttori di abbigliamento tecnico al mondo, la norvegese Helly Hansen, sarà invece partner ufficiale di Team Sanya e fornirà capi tecnici e non per l’equipaggio. La Blue Ocean Protection Association con sede proprio a Sanya, invece, condurrà test scientifici a bordo dello scafo cinese per la protezione dell’ambiente, diffondendo la nozione di rispetto degli oceani in tutte le località che il team visiterà.

 

Come SailBiz non possiamo che sottolineare il rammarico per l’assenza di un team italiano, perché la sensazione è che la prossima edizione della Volvo Ocean Race, sarà una grande edizione dal punto di vista mediatico. Comunque ringraziamo Soldini, il presidente Croce e Elkan per averci dato l’illusione che ci saremmo potuti essere: l’Italia manca da troppo tempo a questo appuntamento “world wide”.

Share