SAILBIZ.IT PORTA LA “TRASPARENZA” NEL MERCATO DEI NUMERI DELLA VELA

Fare informazione non è mai facile, nella vela forse lo è ancora di più.

Quando sei mesi fa siamo partiti a monitorare in silenzio quello che avveniva nel settore in esame ci siamo accorti che c’era qualcosa che non andava. Tutti i portali si sentivano leader o primi nel settore dell’informazione giornalistica applicata della vela. Una contraddizioni in
termini, visto che di solito il leader è uno solo, non più soggetti.
Ecco perché abbiamo scelto come fonte “neutrale” ed assoluta la toolbar americana (non italiana) “Alexa”. I risultati sono stati sorprendenti.
Nautica.it era ed è il primo leader per contatti/page views scaricate. Lo è da quando abbiamo iniziato a monitorare il settore, così come al secondo e terzo posto vi sono stabilmente Yachtandsail.it e lo “storico” Bolina.
L’unica vera grande novità del mercato giornalistico velico è proprio “Sailbiz.it”, un portale dedicato all’economia/business della nautica. Non
ci occupiamo (per il momento) di news sportive, ma solo economiche.
Non abbiamo (per il momento) testate cartacee di supporto, analizziamo solo una parte del mercato nautico eppure in appena tre mesi siamo saliti fino al quarto posto di questa classifica.

Una classifica che gratuitamente e periodicamente è disponibile per tutti gli spender della vela. Siamo il vero “fenomeno” del 2008 e continueremo ad esserlo anche nel 2009. Non siamo ancora leader, ma è come se lo fossero visto che ci siamo messi dietro portali di testate che sono in edicola da più di 15 anni. Sappiamo lavorare sul web, sappiamo intrigare i nostri lettori più di altri (probabilemnte), ma soprattutto siamo giornalisti che amano ancora scovare le notizie andandole a cercare sul marciapiedi. Ai nostri competitor lasciamo il divertimento di continuare ad “autoelogiarsi” come leader, pur non essendolo. Il mercato aveva un forte bisogno di dati “trasparenti”, Sailbiz.it si è posto quesot obiettivo: strappare un velo in un settore che si parlava addosso, ma la matematica non è un’opinione.
E l’indice del ranking è disponibile e visibile per tutti, spender, sponsor, investitori e semplici lettori. E’ ora che anche nella vela cambi
l’approccio al mercato: più trasparenza, meno leadership “sognate”, più numeri reali in tempo reale.

Share