Sea Economy, il mare contribuisce con 880 mila addetti

IV GIORNATA NAZIONALE DELL’ECONOMIA DEL MARE: SPORT E TURISMO, DRIVER PER L’ECONOMIA DEI TERRITORI

Si è svolta a Gaeta con l’organizzazione della Camera di Commercio di Latina la rassegna Blue Economy. organizzata dalla Camera di Commercio di Latina (IV Giornata Nazionale dell’Economia del Mare), in collaborazione con Unioncamere Nazionale, si è svolta dal 25 al 27 ottobre, tra Sabaudia e Gaeta, ed è servita anche a far conoscere, ad un pubblico, non solo di addetti ai lavori, alcuni numeri del VII rapporto sull’Economia del Mare: le imprese che operano nel settore (dati dicembre 2017) sono 194.516 e occupano 880 mila addetti; il territorio di Latina contribuisce con 3.651 aziende.Sono stati previsti anche workshop e incontri sulla “risorsa mare”, sull’erosione della costa, sull’export, sull’incoming di operatori esteri, sul comparto della pesca, sullo sviluppo del territorio e sullo sport-businessperché lo sviluppo del mare può diventare una opportunità di lavoro soprattutto per i più giovani.

(Sporteconomy.it) Proprio quest’ultimo tema è stato l’oggetto di un workshop a Gaeta (nella giornata di venerdì 26), che ha visto la presenza di Mauro Zappia, commissario straordinario della Camera di Commercio (CCIAA) di Latina, nel ruolo di “padrone di casa”

Vi ha partecipato anche il direttore dell’agenzia Sporteconomy e coordinatore di Sailbiz, Marcel Vulpis (nella foto sotto accanto al commissario Zappia e al Gen. Raffaele Romano – comandante del gruppo sportivo “Fiamme Gialle”), che si è soffermato sulle opportunità (da un punto di vista economico) del binomio “Sport -Turismo”, come acceleratore per i territori coinvolti.  Oltre a ciò si è parlato degli sviluppi futuri delle Universiadi di Napoli (30ima edizione estiva), in programma dal prossimo 3 al 4 luglio 2019, anch’esse un’opportunità di sviluppo economico per la Regione Campania.

Nel corso della “tre giorni” si sono tenuti workshop dedicati al turismo, al settore croceristico, all’ambiente, allo sport, alla pesca e allo sviluppo delle aree marittime. Inoltre, sono stati organizzati momenti (B2B) in cui buyer stranieri (soprattutto tedeschi), accuratamente selezionati, hanno incontrato le aziende della meccanica e metalmeccanica (subfornitura, componentistica, carpenteria metallica, apparecchiature elettriche, elettroniche, oleodinamiche e meccaniche) del territorio, in un processo di accompagnamento delle imprese all’internazionalizzazione serio concreto ed efficace.