Secondo la PWC la VOLVO OCEAN RACE è un evento di primo piano

Un rapporto commissionato dagli organizzatori della Volvo Ocean Race alla società di consulenza PriceWaterhouseCoopers evidenzia che la VOR è un evento di primissimo piano a livello globale e che il merito va dato anche alla pesante riduzione del budget. Il tutto possibile grazie all’introduzione della monotipia. Infatti in un periodo storico ancora di crisi in cui principali eventi mondiali sportivi stanno cercando di contenere i costi , il rapporto PwC elogia la Volvo Ocean Race e il lavoro fatto per dimezzare i costi di sponsorizzazione. Gran parte del merito di questo è stato attribuito – secondo quanto si legge nella relazione dell’autore, Manuel Díaz – dal Cantiere e dall’introduzione della monotipia che ha permesso di abbattere i costi di gestione e manutenzione della regata nell’ultima edizione nel 2014-15.

“Una campagna VOR ora costa circa il 50 per cento in meno  – nelle ultime edizioni, il costo è stato tra i € 20-35.000.000Il cantiere ha aperto nuove strade mettendo in comune le risorse umane e le attrezzature per la manutenzione di una classe di nuova generazione. Il Farr design Volvo Ocean 65 one-design ha innovato dopo 40 anni di un evento, che è stato lanciato nel 1973 con il nome di Whitbread Round the World Race.

 

Il rapporto, commissionato all’arrivo della 12° edizione nel giugno dello scorso anno, ha sottolineato che: “L’elenco dei benefici non è più ipotetico: è un dato di fatto! Il modello è già stata realizzata e validato, mostrando una performance eccellente in termini di risultati”

Il rapporto, in particolare, elogia:

• riduzione dei costi significativa nei contratti con i fornitori, magazzino ricambi, trasporti, del lavoro e personale di supporto e infrastrutture

• Una riduzione delle rotture e la conseguente manutenzione correttiva

• Migliore manutenzione predittiva, fissando i potenziali punti deboli prima che si traducono in guasti

E ha aggiunto: “Uno dei principali vantaggi è che l’evento attira partecipanti che sponsor – la barriera di ingresso è più bassa, ma non è solo una questione di costi. “Ora che tutti i team hanno la stessa piattaforma il rischio di avere una barca molto più lenta è inferiore. D’altra parte, la sicurezza è rimasta al centro del processo one-design, con le barche progettate per durare almeno due edizioni”.

Díaz raccomanda che il Cantiere navale potrebbe essere ancora più efficace con un livello intensificato di monitoraggio delle prestazioni attraverso un elenco di indicatori chiave come il tempo medio per la riparazione, l’utilizzo di potenza l’uomo e l’efficienza e la rotazione delle scorte.

Nick Bice, che gestisce il Cantiere navale, ha detto di essere molto soddisfatto del progetto e dei commenti positivi del rapporto PwC.

“Quello che mi fa piacere è che è riconosciuto ora che i nostri standard sono in linea con i più alti livelli in altri settori come l’automobilistico e aeronautico. Una statistica chiave ha messo in evidenza che il 90 per cento del nostro servizio è stato attivo, in altre parole, che fissano i potenziali problemi prima dell’arrivo dei guasti. Solo circa il 10 per cento di quel lavoro è stato reattivo. La nostra ambizione è ora semplice: puntiamo ad arrivare a un punto in cui non ci sono scuse per rotture nella prossima gara diversi da quelli causati da un errore umano.