Vasco, l’America’s Cup? non dite che non l’avevo detto!

Intervista a Vasco vascotto il velista più titolato in Italia racconta come sarà la sua stagione 2013La stagione di Vasco inizia con gli allenamenti in Cile sul  Soto 40 Pisco Sour , in previsione del Mondiale di fine mese, prima ci saranno le regate di Azzurra a Key West dal 21 al 25 di seguito Il Mondiale Soto 40,  poi ci saranno Allenamenti su Melges 32 Robertissima ed Enfant Terribile Farr40, preparazione per il mondiale.   Poi ancora Tp52 per il Mondiale che disputa a Miami.  Poi c’è l’Rc44 e altre regate…. non g’avemo tutto il calendario… Per quanto riguarda la crisi:  si sente anche nella vela, gli sponsor ovviamente hanno ridotto i budget e molti hanno dovuto tagliare. Per certi progetto i grandi consorzi, come Azzurra riesco a gestire al meglio le risorse, ovviamente p tutto + difficile.

L’anno inizia con una bella giornata, qui il 6 di gennaio con un tiepido sole, a dimostrazione che non fa freddo in inverno a Trieste. L’anno scorso siamo riusciti a portare a casa tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati (parla dei gruppi con cui ha regalato), e sicuramente quest’anno sarà difficile ripetersi, ma vogliamo confermare quelloche di buono è stato fatto la scorsa stagione. Con Azzurra abbiamo già iniziato ad allenarci a Palm Beach perché quest’anno le 52 Series iniziano la stagione negli Stati Uniti, con le regate di Key West e il Mondiale in marzo a Miami. Vogliamo ripetere la stagione ma è chiaro che non dipende solo da noi, nel circuito molti team si sono rinforzati, il ritorno di Terry Hutchinson su Quantum è la dimostrazione che questo circuito rimane nel top della vela mondiale.  Dal Tp52 si passa al Soto 40, in partenza proprio martedì per il Cile, lo scorso anno abbiamo iniziato in gennaio vincendo la rgata di Chiloè, evento tra i più importanti in sudamerica. Quest’anno a fine gennaio c’è il Mondiale a Concepcion e vogliamo far bene. Con noi al timone ci sarà Alberto Bolzan, nella classe chi ha fatto l’America’s Cup non può timonare, e sia io che Guillermo Parada (timoniere di Azzurra e in barca su Pisco Sour) non possiamo timonare, sarà un mondiale agguerrito e difficilissimo, il meglio della vela mondiale. Confermare il Mondiale con L’Rc44 sarà difficilissimo, anche qui  i team hanno moigliorato i propri team, l’ossatura del team è molto forte e cercheremo di fare sempre del nostro meglio, c’è molto entusiasmo nel team, così come nel Melges 32 con Roberto Tommasimi e Robertissima, ci divertiamo ad andare in barca, passando comunque molte giornate ad allenarci, inziando in chiaro scuro chiudendo benissimo con un ottima prestazione alla Gold Cup, il lavoro duro alla fine paga.
 
Quest’anno purtroppo non riuscirò a correre molte regate con gli amici dell’Aniene che hanno creato un gruppo vincente nel tempo. Alessandro Maria Rinaldi ha fatto un gran lavoro di organizzazione insieme a Giorgio Martin dell’Action Team, vincenti in tutte le regate dove si sono presentati, darò il mio supporto tecnico per migliorare le prestazioni del team in previsione del Mondiale Orc di Ancona. Tornerò nella classe che mi ha dato grandi soddisfazioni IL FARR40 insieme agli amici di Enfant Terrible, con obbiettivo principale il mondiale

L’Americas Cup, non dite che non l’avevo detto, spero solo di sbagliarmi sull’ultimo punto di cui avevo parlato ma che non voglio ricordare. Le cose non sono proprio il massimo, Oracle ha regatato solo 4 giorni e poi ha distrutto la barca, Artemis praticamente lo stesso, avendo 35 giorni per regatare, queste sono le magagne di un regolamento sbagliato, ci saranno 4 team, costosissimo, i favoriti sonodiventati TNz e per fortuna Luna Rossa. Annegarsi sempre in acqua alta, un vecchio detto che dice di stare sempre dalla parte giusta  e la scelta di stare dalla parte Tnz sarà sicuramente vincente.  Luna Rossa dalla sua ha un gruppo vincente che non me ne vogliano altri ha un grande velista che potrà fare la differenza Francesco Bruni, questo per loro potrebbe essere il vero asso nella manica. Io mi auguro che vinca Luna Rossa, speriamo però che non sia un AC di sopravvivenza.  

 
 
Trieste la Capitale della Vela e La barcolana, io sono un grande fan della city di Trieste, la Barcolana è l’aspetto più bello che questa città rappresenta e il fatto che la vela dia lustro a questa città non può che farmi piacere. Trieste ha bisogno di una lucidata di esser vista di avere visibilità e la Barfcolana è uno di questi fari che mettono a luce questa città. Quando cammino sulle rive mi senti fiero di vivere in questa città, la necessità di questa città di avere da questa manifestazione una spinta per prender spunto anche dalla Barcolana, per portare turismo per portare novità e la nostra città dovrebbe essere vissuta per 365 giorni all’anno.

Un augurio a tutte le realtà sportiva della mia città, un anno difficile per Trieste, difficoltà per la pallamano per il Basket femminile, una rinascita per una città sportiva e lo sport che ha sempre rappresentato questa città. Un augurio ai velisti di andare sempre veloci e di vincere, possibilmente quando io non sarà in regata!

Quello che posso promettere a quelli che mi seguono e mi vogliono bene  è che cercherò di mettercela tutta per dare sempre il massimo. Che a volte su Facebook e Twittere   (fan page VascoVascotto   Twitter/vascovascotto) giochiamo con i risultati e con la vela, perché per raggiungere gli amici che mi seguono in tutto il mondo a volte bisogna scherzare ed esser divertenti per “piacere” alla rete, è mondo che seguo con attenzione in piena evoluzione.

TP52
20/25 gennaio quantum key west con Azzurra
5/9 marzo Mondiale Tp52 a Miami
23/26 maggio Barcellona Tp52 superseries
3/6 luglio  Ibizia Royal Cup Tp52
29/3 agosto Copa del Rey Tp52
10/14 sette,ber Porto Cervo Tp52

Share