Vendeé Globe, il vero vincitore? Banque Populaire

 

Alzi la mano chi sa cosa è MACIF. Adesso alzi la mano chi sa cosa è BANQUE POPULAIRE. Bene oltre a rappresentare i primi due gradini del podio alla Vendée Globe 2012-2013, sono rispettivamente una compagnia assicurativa e ovviamente una banca. La banca era facilmente individuabile se non fosse altro che il termine francese rappresenta (anche per assonanza) lo stesso significato in italiano. Cosa vuol dire essere una banca popolare?

In Italia vuol dire: Governance cooperativa, con particolare attenzione ai soci e al territorio, impegno sociale. In questi elementi si esprime l’identità cooperativa e la mutualità non prevalente, che in quanto tale non comporta né ha mai comportato agevolazioni fiscali, da sempre connaturata alle Banche Popolari. Da sempre attive nell’incentivare lo sviluppo del territorio e la crescita delle comunità di riferimento, le Banche Popolari adottano un modello di business incentrato sulla costruzione di rapporti stretti e duraturi con PMI e famiglie – il relationship banking – che ha favorito il continuo allargamento della propria base sociale, l’espansione delle attività e, conseguentemente, il rafforzamento costante dell’immagine della Categoria.

In Italia le banche popolari tutte insieme rappresentano:

  • Istituti di Credito      85           Totale Attivo (miliardi di EURO)     480
  • Sportelli                    9.435           
  • Soci                          1.280.000          
  • Clienti                      12.350.000              
  • Dipendenti               84.140

 In Francia invece:

  • Isituti di Credito     21
  • Sportelli              3.336
  • Soci                    3.800.00
  • Clienti                8.400.000
  • Dipendenti         63.000

Perché facciamo questo confronto? Ecco il perché. Complice l’orario di arrivo di domenica scorsa (ore 17.35 GMT) Banque Populaire ha ottenuto: 52mila persone collegate per lo streaming live sul sito della regata, la diretta della tv locale, lo speciale di France2 e quasi 300mila persone passate nel villaggio, concludendo con la prima pagina su l’Equipe. Ma quello che ha fatto veramente la differenza dal punto di vista qualitativo della comunicazione è stata l’intervista in diretta che lo skipper dell’imbarcazione, Armel Le Cléac, ha rilasciato alla CNN, il principale network mondiale. In pochi istanti una banca popolare si è proiettata nel mondo esaltando i valori che rappresenta. Banque Populaire è presente nella vela da oltre un decennio e continua a far parlare di sè perché si lega alle sfide che appassionano i francesi e soprattutto per un ritorno sull’investimento (ROI) che è ben più alto del calcio. Lo testimonia il fatto che la banca è sponsor anche di una squadra di calcio che milita nella prima divisione francese, ma ha scelto sul proprio sito di dare visibilità solo alla vela. Monoscafi, Multiscafi, Figaro, Federazione, Giro di Francia. La comunicazione di Banque Populaire è vela. Complimenti

 

 

 

 

 

 

 

Share