AIVE presenta il 2010 e rinnova le partenrship

AIVE presenta il calendario regate 2010. Il Challenge “Luigi Durand de la Penne ”: una settimana di regate tra La Spezia e l’Isola d’Elba. Aive rinnova la collaborazione con lo Stato Maggiore della Marina Militare Italiana
Aive (Associazione italiana vele d’epoca) è parte attiva e responsabile nell’organizzazione dei principali raduni che si tengono sia in Tirreno che in Adriatico. Per il 2010, nell’ambito del circuito CIM – Comité International de la Mediterranée, che raggruppa le più prestigiose ed importanti regate di vele d’epoca del dell’intero Mediterraneo – dopo il grande successo della passata edizione 2009 ripropone  il Challenge Luigi Durand de La Penne che si compone delle Regate del Dipartimento Alto Tirreno (11-13 giugno, La Spezia) ed Aethalia Epoca Race (17-20 giugno, Marciana Marina). Allego comunicato e calendario.

Il programma prevede delle prove costiere a La Spezia, una regata di trasferimento verso l’Isola d’Elba ed infine altre regate costiere a Marciana Marina utili per aggiudicarsi il Challenge Luigi Durand de la Penne. Un trofeo in onore di questo storico Ammiraglio, incursore del Varignano, uomo legato al mare più di ogni altro che unisce la Marina Militare Italiana ed Aive nell’organizzazione di questo prestigioso evento. La serie di regate inserite nel calendario ufficiale del Circuito Internazionale del Mediterraneo Occidentale, ha ottenuto l’appoggio logistico della Marina Militare Italiana che ospiterà tutte le imbarcazioni partecipanti all’interno della Base Navale. Inoltre il Guidone dell’intero Challenge si fregerà delle quattro stelle del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Italiana, Ammiraglio di Squadra Bruno Branciforte che ha concesso il Suo Alto Patrocinio.

Aive (Associazione italiana vele d’epoca) è parte attiva e responsabile nell’organizzazione dei principali raduni che si tengono sia in Tirreno che in Adriatico. Per il 2010, nell’ambito del circuito CIM – Comité International de la Mediterranée, che raggruppa le più prestigiose ed importanti regate di vele d’epoca del dell’intero Mediterraneo – dopo il grande successo della passata edizione 2009 ripropone  il Challenge Luigi Durand de La Penne che si compone delle Regate del Dipartimento Alto Tirreno (11-13 giugno, La Spezia) ed Aethalia Epoca Race (17-20 giugno, Marciana Marina).

Il programma prevede delle prove costiere a La Spezia, una regata di trasferimento verso l’Isola d’Elba ed infine altre regate costiere a Marciana Marina utili per aggiudicarsi il Challenge Luigi Durand de la Penne. Un trofeo in onore di questo storico Ammiraglio, incursore del Varignano, uomo legato al mare più di ogni altro che unisce la Marina Militare Italiana ed Aive nell’organizzazione di questo prestigioso evento. La serie di regate inserite nel calendario ufficiale del Circuito Internazionale del Mediterraneo Occidentale, ha ottenuto l’appoggio logistico della Marina Militare Italiana che ospiterà tutte le imbarcazioni partecipanti all’interno della Base Navale. Inoltre il Guidone dell’intero Challenge si fregerà delle quattro stelle del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Italiana, Ammiraglio di Squadra Bruno Branciforte che ha concesso il Suo Alto Patrocinio.

About Aive. Aive, Associazione Italiana Vele d’Epoca é stata fondata nel 1982 senza alcuna finalità di lucro, ed ha il fine di preservare il patrimonio storico, artistico e tecnico costituito dagli yacht d’epoca (yacht varati prima del 1950) e classici. L’Associazione ha sede presso il prestigioso Yacht Club Italiano, Porticciolo Duca degli Abruzzi a Genova. Aive è affiliata alla Federazione Italiana Vela dalla quale è riconosciuta come associazione di classe per gli yacht a vela d’epoca e classici. Il Presidente è Gianni Loffredo. Alcuni dati importanti: -230 i soci dell’Associazione -200 yacht (tra i migliori del mondo) armati da soci ed inscritti nei registri sociali -una biblioteca con circa 500 volumi relativi alla storia dello yachting -oltre 1.500 yacht schedati, molti dei quali con annessi piani generali, disegni e descrizioni storico-tecniche.

Share