Scende nell’arena legale anche Artemis Racing

Il gioco in Coppa America comincia a delinearsi a suon di proteste e rettifiche dei programmi secondo il protocollo. Dopo gli annunci dei team più forti, scende in acqua anche il team svedese capitanato da Paul Cayard che ha timore di restare fuori dai giochi. Infatti in una nota inviata alla stampa Artemis Racing chiarisce la propria posizione e chiede chiarimenti sulla collaborazione tra ETNZ e Luna Rossa. La decisione della Giuria numero AC06, emessa il 28 dicembre 2011, ha chiarito che Emirates Team New Zealand (ETNZ) e Luna Rossa non possono procedere con tutti i loro investimenti annunciati senza violare il protocollo della 34 Coppa America. In merito alla richiesta di chiarimenti da parte di Artemis Racing, questa decisione sostanzia che:

A. ETNZ ha un accordo di collaborazione con Luna Rossa
B. L’accordo prevede che Luna Rossa costruirà direttamente o indirettamente, uno yacht
C. L’accordo prevede che Emirates Team New Zealand avrà informazioni sul design e sulle performance dalla barca di Luna Rossa attraverso le “due barche test”

La decisione della Giuria nella causa AC06, afferma chiaramente che se esiste un accordo tra due squadre, che soddisfa le clausole A, B e C, allora ci sarebbe una violazione al protocollo della regola 33,4.

Artemis Racing ha ricevuto i chiarimenti che cercava. Infatti ad oggi si sa che ETNZ e Luna Rossa hanno sicuramente avviato quanto previsto dalle clausole A e B e c’è in programma di avviare C. Artemis Racing è fiduciosa che i due team modificheranno i loro piani in modo da non violare il protocollo.

Share