La prossima sarà una SmartBarcolana

UniCredit Start Lab per Barcolana, la banca supporta l’innovazione della principale manifestazione velica italiana con un progetto di Smartcity, anzi forse sarebbe meglio dire di SmartRace, cioé l’innovazione scende in pista a Trieste. Innovare l’esperienza di vivere la più affollata regata del mondo in programma la seconda settimana di ottobre a Trieste, mettendo a disposizione del pubblico (oltre 350mila persone a terra) e dei partecipanti (circa 27mila persone in mare) servizi e strumenti che, grazie alla tecnologia e alla creatività, possono migliorarne la fruizione, rendendola un’esperienza unica e innovativa. Con quest’obiettivo è stato organizzato oggi a Milano, presso l’UniCredit Tower di Piazza Gae Aulenti, ‘UniCredit Start Lab per Barcolana’. L’incontro, rientrante nel progetto di innovazione “Smart Barcolana”, ha visto UniCredit aggregare attorno all’evento una serie di start up italiane (operanti nei settori turismo, Digital, e Innovative Made in Italy), rientranti nel proprio programma di accelerazione UniCredit Start Lab. Le 10 start up selezionate per la giornata di “Open Innovation” hanno incontrato i responsabili della Società Velica di Barcola e Grignano, organizzatrice della manifestazione, illustrando le proprie proposte per un’evoluzione dell’evento in chiave tecnologica. Alcune soluzioni saranno sperimentate già in questa edizione, altre seguiranno, trasformando la Barcolana in un laboratorio di “smart cities” capace di far toccare con mano in un contesto di grande fascino quanto la tecnologia possa semplificare la vita dei cittadini, e quanto investire in sistemi “smart” possa rendere un evento più attraente, semplice da fruire e interessante.

 

Questa partnership con Barcolana – sottolinea Mirko De Mario, Responsabile Area Trieste di UniCredit – rientra nella più ampia azione di sostegno di UniCredit a un territorio in cui la banca è profondamente radicata. Mi piace a tal proposito evidenziare l’alto valore simbolico dell’iniziativa, che vede l’istituto di credito erede della storica Cassa di Risparmio collaborare con gli organizzatori della manifestazione che da oltre 40 anni maggiormente connota Trieste e il suo territorio, per individuare nuovi servizi innovativi ad alto contenuto tecnologico”.  “Le start up cha abbiamo coinvolto oggi – sostiene Paola Garibotti, Responsabile di Country Development Plans di UniCredit – sono state selezionate tra le migliori della passate edizione di UniCredit Start Lab per la contiguità tra gli ambiti di business in cui operano e la manifestazione velica. Riteniamo che occasioni come questa siano la prova concreta della bontà e dell’utilità del nostro programma di sostegno alla nuova imprenditoria“. 

Una decina di imprese italiane – ha dichiarato Mitja Gialuz, Presidente della Società Velica di Barcola e Grignano – è coinvolta nel progetto, coordinato da UniCredit: aziende che hanno in comune con la Barcolana il fatto di essere nate come una sfida, supportate da grande entusiasmo, dalla voglia di emergere partendo da un’idea semplice e innovativa. Impegno, entusiasmo, voglia di eccellere e migliorarsi stanno alla base di “Smart Barcolana” e accomunano la Società Velica di Barcola e Grignano, UniCredit e le aziende coinvolte nel progetto, che ci permettono di guardare avanti, immaginando un evento che metta al centro dell’attenzione ogni singolo partecipante, velista o parte del pubblico“. La Barcolana di Trieste nel 2014, ha registrato una imponente crescita, grazie all’aumento del 16% degli iscritti e di un ulteriore incremento del pubblico, che ha reso la città “sold out” in termini di ricettività nel secondo fine settimana di ottobre. Già nell’ultima edizione della manifestazione, tramite la tecnologia smartphone è stato possibile sperimentare soluzioni “smart”, la maggior parte delle quali gratuite per il pubblico, capaci di migliorare importanti aspetti dell’evento, dalla logistica alla fruizione turistica, dalla circolazione delle informazioni ai servizi, dal booking on line all’e-commerce.

 

Share