Uno strepitoso Nerone nei Farr40

Nerone (ITA) trionfa al Campionato Europeo dei Farr 40 a Porto Rotondo. Nerone di Massimo Mezzaroma aggiunge questo titolo a quello mondiale conquistato ad aprile a Casa de Campo, nella Repubblica Dominicana. Il palmarès di Vasco Vascotto sale con oggi a 10 titoli europei (i mondiali sono a 18!). Prossima tappa, l’Australia. E’ l’anno d’oro di Nerone, che dopo aver vinto al Rolex Farr40 Worlds di Casa de Campo, nella Repubblica Dominicana ad aprile, oggi “porta a casa” anche il titolo europeo, letteralmente trionfando al Campionato Europeo dei Farr40 organizzato – ed era la prima volta – dallo Yacht Club Porto Rotondo, insieme alla Classe internazionale e alla flotta mediterranea. Dieci team in gara, 6 nazioni rappresentate, quattro giorni di regate, altissimo il livello tecnico dei partecipanti, difficili le condizioni meteo, grandi emozioni e momenti di puro spettacolo. Oggi le ultime due regate, la numero 9 e 10 del campionato, contrassegnate da un costante duello, “all’ultima boa”, tra Nerone e Barking Mad (USA). Ma alla fine questo Europeo parlerà italiano. Nerone si attesta a 26 punti, Barking Mad a 32. I conti sono presto fatti.

Cronaca: la prova numero 9 del campionato, un bastone di circa 6 miglia, inizia a mezzogiorno sotto un cielo terso, 16 nodi di scirocco e mare formato. Buona la partenza sia per Nerone che per Struntje Light (GER), ma anche Charisma (MON) insegue con grinta. I giochi sono ancora aperti. Anche Enfant Terrible non scherza, ma i riflettori sono puntati sui due duellanti in testa alla flotta, Nerone e Barking Mad. Alla seconda bolina entrambi scelgono la sinistra, e tagliano la linea di arrivo con una manciata di secondi tra l’uno e l’altro. Primo Nerone, secondo Barking Mad, poi Charisma (MON), Plenty (USA), Enfant Terrible (ITA).

La decima e ultima gara inizia alle 13.25, con venti tra i 15 e i 18 nodi, costantemente “shiftosi”. Nerone passa in testa alla prima boa di bolina, con Barking Mad che lo tallona ma gira per secondo. Dalla prima poppa in poi è Struntje Light (GER) che si attesta in terza posizione, mentre Charisma (MON) è scivolato in quarta posizione. Nerone e Barking Mad distanziano il resto della flotta. La barca italiana è però più veloce, e con questa consapevolezza la tensione a bordo si stempera nel sollievo.

Alle 14.30 circa, Nerone taglia la linea di arrivo per primo, e con dieci lunghezze davanti agli americani. Terzo in ordine di arrivo Struntje Light di Wolfgang Schaefer, lui che è anche il presidente della classe mediterranea di queste velocissime barche.

“Continua il nostro stato di forma mondiale, sono felicissimo – sono le parole di Vasco Vascotto, tattico di Nerone — abbiamo regatato bene, Antonio è tornato in forma e questo ha dato il giusto stimolo a tutti i ragazzi, è un’ottima annata per noi, come un buon vino”.

Massimo Bortoletto, team manager/randa: “Una grande gioia, per noi, che dedichiamo questa vittoria a Massimo (Mezzaroma), che non ha potuto essere oggi qui a Porto Rotondo, e ad Alberto (Signorini). Il ritorno di Antonio (Sodo Migliori) a bordo ci ha portato fortuna, dopo la sua assenza forzata ad aprile. Sono state, queste ultime due, regate intensissime, con un vento “shiftoso”, e gli americani che ci hanno tallonato stretto. Ma all’ultima poppa li abbiamo distanziati per dieci lunghezze. A quel punto abbiamo capito che era fatta”.

Vasco Vascotto, triestino, ha all’attivo23 titoli italiani, con oggi 10 europei, e 18 mondiali. In particolare è stato campione del mondo anche nelle classi J24 e Farr 40, maxi, ORC e 470. Ha conquistato 5 volte il Giro d’Italia di vela, l’Admiral’s Cup del 1999 edue bronzi ai Campionati Mondiali ISAF, 8 medaglie al valore sportivo, una partecipazione all’ America’s Cup (2007). E’ 2 volte vincitore Medcup.

La stagione sportiva dello Yacht Club Porto Rotondo si concluderà l’ultimo fine-settimana di ottobre con la Regata dei Legionari.
Lo Yacht Club Porto Rotondo ringrazia Wake’s di Porto Rotondo per le barche stampa, e il ristorante “Il Pomodoro” per i cestini agli equipaggi.

Equipaggio Nerone ITA-1972 Europeo Porto Rotondo 2010
 
Helmsman: Antonio Sodo Migliori
Tactics: Vasco Vascotto
Main/ project manager: Massimo Bortoletto
Jib trimmer: Victor Marino
Jib trimmer: Nicolas Dal Ferro
Pit man: Nicolò Robello
Jolly: Giulio Scarselli
Grinder: Simon Cardinale
Mast Man: Pablo Torrado
Bow Man: Paolo Bottari

Share