Aigle presenta la nuova strategia che prevede più Italia

Aigle presenta la nuova strategia che prevede più Italia. Rafforzare le strategie già in atto, in particolare il posizionamento del marchio, e puntare su nuovi mercati come Italia, Scandinavia, Russia e Canada. Questi gli obiettivi del marchio francese Aigle, parte della Holding svizzera Maus Freres che è azionista di riferimento di marchi come Gant e Lacoste. “Il nostro core business è dato per circa il 60% dall’abbigliamento, mentre un ruolo importante è giocato dagli stivali in gomma di caucciù – 100% naturale – che pesano pe circa il 25%, il restante 15% arriva dalle calzature” ci ha raccontato Philippe Dugardin, il nuovo direttore commerciale di Aigle. Il brand propone abbigliamento outdoor ad una fascia di età compresa tra i 35 e i 45 anni ed ai loro bambini e dal 2007 ha incentrato la propria comunicazione sul ritorno alla natura e sull’eco-sostenibilità.

Forte sui parka e gli stivali di gomma in caucciù, Aigle ha un fatturato annuo che si aggira attorno ai 275 milioni di euro ed ha un trend di crescita di circa 30 nuovi punti vendita ogni anno, con già all’attivo 73 monomarca in Francia, 17 tra Germania, Svizzera, Belgio e Portogallo e 170 in Asia, di cui 66 solo in Giappone. “Il nostro obiettivo è quello di crescere lentamente e di continuare ad aprire store. Nel 2012 punteremo sull’Italia, dato che è un paese che si presta alla nostra filosofia di prodotto, come ad esempio l’abbigliamento da caccia o da vela. Non apriremo nel vostro Paese dei monomarca ma ci concentreremo sul wholesale e sul premium lifestyle” ha concluso Dugardin.

Share