Altra conferma da Coccoluto, campione del mondo

Il giovane velista muggiesano Giovanni Coccoluto ha vinto oggi il Mondiale Juniores Laser Standard disputatosi in Argentina, a Buenos Aires, dall’ 8 al 15 aprile. L’intera settimana di regate è stata caratterizzata da condizioni meteorologiche impegnative, poco vento e tanta corrente hanno messo a dura prova le capacità dei regatanti. Dopo una prima prova sfortunata conclusa in tredicesima posizione Giovanni ha conquistato due primi e due secondi posti guadagnando così la possibilità di difendere il gradino più alto del podio nell’ultima giornata di regate.
Oggi, i 29 timonieri iscritti al Campionato Mondiale sono scesi in acqua con vento leggero di 7 nodi. Giovanni fin da subito ha marcato strenuamente tutte le mosse del suo diretto avversario Arian Aleksander. Per il giovane talento italiano la regata si è rivelata una dura battaglia, nonostante ciò Giovanni è riuscito a mantenere dietro di sé il velista danese e l’atleta polacco che hanno chiuso il Mondiale Juniores rispettivamente al secondo e al terzo posto.
 
“Sono molto contento per la vittoria di questo Mondiale – ha commentato Giovanni Coccoluto – le condizioni meteorologiche in questi giorni non sono state affatto facili, ogni regata è stata una vera battaglia. La felicità di questa vittoria deriva anche dal fatto che i miei avversari si sono dimostrati davvero difficili da battere. Le ultime prove sono state impegnative anche dal punto di vista nervoso, oggi sono sceso in acqua con l’obiettivo di mantenere il primo posto e di difendermi dagli avversari. La regata è stata molto tattica e solamente alla fine mi sono lasciato prendere dall’emozione della vittoria. Aver vinto il Mondiale Juniores nella classe Laser Standard per me è una grande soddisfazione dal momento che sono passato a questa classe da pochi mesi.”

Per questa regata Giovanni Coccoluto è stato sostenuto da TX-Active di Italcementi Group.
 
Dal 28 al 30 aprile, il giovane velista sarà impegnato nella tappa del circuito Italia Cup che avrà luogo a Bibione.

 
Share