Audi MedCup successo kiwi e adesso Italia

Dopo due tappe incolori, Emirates Team New Zealand torna alla vittoria conquistando il Trofeo Caja Mediterráneo Regione di Murcia davanti a Matador e TeamOrigin 1851. Buon settimo posto in classifica per Luna Rossa. Con il successo spagnolo i Kiwi aumentano così il proprio vantaggio nel Circuito. Stesso discorso per la GP42 Series, con Madrid-Caser Seguros che si aggiudica la tappa allungando in classifica overall.
Grande vittoria per Emirates Team New Zealand nel Trofeo Caja Mediterráneo Regione di Murcia, quarta tappa del Circuito Audi MedCup 2010. Per Dean Barker e compagni, a secco dal primo evento di Cascais, il successo di Cartagena rappresenta dunque il ritorno alla vittoria dopo le due prove incolori di Marsiglia (quarto posto) e Barcellona (secondo). Tre le vittorie ottenute a Cartagena, le stesse di Matador e TeamOrigin 1851, rispettivamente secondo e terzo in classifica. Per Dean Barker, quella di oggi è dunque la terza vittoria consecutiva a Cartagena, dopo i successi del 2008 (con Bribon) e del 2009 (con ETNZ).

Decisiva la costiera
Ma nonostante lo stesso numero di vittorie, per Emirates Team New Zealand si è trattato di un vero e proprio dominio: 35.5 i punti conquistati in dieci regate, con Matador, secondo classificato con 45 punti, staccato di ben 9.5 lunghezze, e TeamOrigin 1851, terzo a 46.5 punti, lontano 11 punti. Distacchi che sarebbero potuti essere anche maggiori, se ETNZ non fosse stato squalificato nella seconda regata di oggi per un incrocio con Quantum Racing. Decisivo, nel successo dei neozelandesi, è stato comunque il terzo giorno di gare, quando dopo due prime giornate fra alti e bassi, i Kiwi sono stati capaci nel giro di due prove (un bastone e la costiera) di recuperare ben 17 punti sui diretti concorrenti.

Questione di continuità
A Matador e TeamOrigin 1851 è mancata dunque un po’ di continuità, con i due team che hanno alternato prestazioni eccellenti (stesso numero di vittorie dei Kiwi) a veri e propri disastri. L’esatto contrario dei neozelandesi, capaci di arrivare sempre entro le prime cinque posizioni. Matador e TeamOrigin hanno comunque mostrato di poter competere ai livelli più alti, e possono ora guardare più che positivamente all’ultimo evento del Circuito.

In quattro dietro a Quantum
Solo un quarto posto, invece, per Quantum Racing, autore qui a Cartagena di una prova abbastanza incolore, con prestazioni ben lontane da quelle a cui ci aveva abituato. Gli americani, con 53.5 punti, precedono in classifica un gruppetto di quattro barche, racchiuse in solo sei punti, composto da Artemis (64), Synergy (68.5), Luna Rossa (69) e Bribón (70). Se gli spagnoli si sono fatti onore conquistando l’unica regata non vinta da una delle tre barche di testa, non sono stati da meno gli italiani: la barca di Prada, settima, ha infatti finalmente dimostrato di poter stare tra i primi, con ben due prove concluse al secondo posto, e una regata terminata salendo sul gradino più basso del podio. E se la fortuna avesse assistito Luna Rossa durante la costiera (con gli italiani scivolati da secondi a decimi per aver urtato contro un pesce di un metro e mezzo di lunghezza), probabilmente la classifica, oggi, sarebbe ancora più bella.

Chiude Cristabella

Continua purtroppo il periodo non entusiasmante di Audi A1 powered by ALL4ONE, nono al Trofeo Caja Mediterráneo Regione di Murcia. Dietro al team franco-tedesco, chiudono la classifica Bigamist 7, decimo, e Cristabella, ultima.

Circuito saldamente in mano ai Kiwi
Con la vittoria di Cartagena, Emirates Team New Zealand sale a 133 punti nel Circuito Audi MedCup 2010, incrementando ulteriormente la propria leadership: sono infatti ben 46.5, ora, i punti di vantaggio dei Kiwi nei confronti di Quantum Racing, secondo con 179.5 punti. Terza posizione, a 199 punti, per Matador, con il team di Bruni e Vascotto che precede di un solo punto TeamOrigin 1851. Per argentini e inglesi si preannuncia dunque un’ultima tappa davvero molto combattuta. Quinta posizione, poi, per Artemis, con il team di Paul Cayard (207 punti) all’inseguimento del podio. Ottimo sesto posto overall per Synergy (241 punti), davanti ad Audi A1 powered by ALL4ONE (243) e Bribón (251.5). Chiudono Cristabella (256), Luna Rossa (264), decima, e Bigamist 7 (314,5).

Secondo successo di Cian nei GP42
Nella GP42 Series, seconda vittoria consecutiva, dopo quella di Barcellona, per Madrid-Caser Seguros. Il team spagnolo si è aggiudicato una tappa molto combattuta, con tutti i team capaci di vincere almeno una regata. A spuntarla, nonostante una sola vittoria, è stato però Paolo Cian, grazie a una maggior continuità di risultati. Gli spagnoli hanno chiuso con 23 punti in classifica, 4 in meno di Iberdrola, secondo a pari punti con Peninsula Petroleum. Quarta posizione, con 29 punti, per Islas Canarias Puerto Calero, nonostante le tre regate conquistate. Chiude la classifica, a pari punti con gli spagnoli, l’italiana AIRISESSENTIAL. Anche un po’ di sfortuna per il team di Roberto Monti, primo in classifica fino a questa mattina.

Nel Circuito, allungo di Madrid
Madrid-Caser Seguros, primo con 73 punti, grazie alla vittoria nel Trofeo Caja Mediterráneo Regione di Murcia, può dunque incrementare proprio vantaggio nei confronti degli avversari, con i connazionali di Islas Canarias Puerto Calero (80 punti) lontani ora sette lunghezze. L’altro team spagnolo, Iberdrola, con 88 punti rimane in terza posizione, davanti ad AIRISESSENTIAL (120) e Peninsula Petroleum (128).

Finale pirotecnico
Nel villaggio pubblico, stasera alle ore 22 sarà il momento delle esibizioni più attese, con il flamenco e lo show “Cante de las minas”. Infine, alle ore 23:30, Cartagena saluterà il Circuito Audi MedCup con l’imperdibile spettacolo dei fuochi d’artificio.

Prossima fermata, Italia!

Share