Massimo Perotti ceo e presidente Sanlorenzo

Sanlorenzo Yacht, nel I semestre utile più che raddoppiato. Le novità per il 2022

Buone notizie per Sanlorenzo Yacht. Il primo semestre ha fatto registrare ottimi risultati per la società specializzata nella produzione di yacht e superyacht di lusso. I ricavi netti dalla vendita di nuovi yacht (“Ricavi Netti Nuovo”) si sono attestati a 263,6 milioni di euro, +43,2% rispetto al primo semestre del 2020 e il risultato netto di Gruppo ha raggiunto i 21,2 milioni di euro, un dato più che raddoppiato rispetto al primo semestre 2020 (8,1% sui Ricavi Netti Nuovo).

Massimo Perotti, presidente e chief executive officer di Sanlorenzo Yacht, ha commentato: “Approviamo la migliore semestrale della storia di Sanlorenzo, un risultato di cui siamo particolarmente fieri e che è stato raggiunto a valle di un periodo tra i più sfidanti a livello mondiale. La nostra capacità di sviluppare un prodotto dalle caratteristiche uniche e di offrire ai nostri armatori un servizio completamente personalizzato è la leva principale della nostra crescita. All’impegno costante nello sviluppare e produrre imbarcazioni di altissima qualità e sempre all’avanguardia in termini di design e innovazione, Sanlorenzo accompagna il forte impegno nello sviluppo sostenibile, al quale ha allocato ingenti risorse umane e finanziarie, principalmente dedicate alla riduzione dell’impatto dell’utilizzo degli yacht sull’ecosistema marino. Un tema, quest’ultimo, su cui lavoreremo molto anche grazie ad un accordo in esclusiva sottoscritto con Siemens Energy, accordo che mi sento di definire storico non solo per Sanlorenzo, ma per l’intero settore nautico. Questo accordo rappresenta infatti il primo esempio nel nostro comparto di alleanza con un partner di primo piano nel campo dell’energia, che apre a soluzioni impensabili sino a poco tempo fa”.

Ecco nel dettaglio qualche voce interessante. I Ricavi Netti Nuovo del primo semestre del 2021 ammontano a 263,6 milioni di euro, in crescita del 43,2% rispetto a 184,1 milioni di euro dello stesso periodo del 2020, trainati dalla Divisione Yacht. I Ricavi Netti Nuovo aumentano in tutte le geografie, guidati dall’ottima performance delle Americhe e dalla ripresa del mercato europeo. In un contesto di forte accelerazione del mercato, questi risultati sono legati all’incremento dei prezzi di vendita reso possibile dal posizionamento high-end del marchio, i cui effetti sono già parzialmente riflessi nei ricavi del primo semestre, e a un mix di prodotto con un’aumentata incidenza di yacht di maggiori dimensioni in tutte le divisioni.

La Divisione Yacht ha generato Ricavi Netti Nuovo per 171,9 milioni di euro, pari al 65,3% del totale, in crescita del 56,3% rispetto al primo semestre del 2020. Gli ottimi risultati di vendita hanno interessato tutte le gamme di prodotto, in particolare la linea SX, con l’SX88, che ha raccolto uno straordinario successo commerciale sin dal lancio nel 2017, e l’SX112 introdotto nel 2020, la linea SD, con i due nuovi modelli SD96 e SD118 e i modelli asimmetrici della linea SL. La Divisione Superyacht ha generato Ricavi Netti Nuovo per 71,0 milioni di euro, pari al 26,9% del totale, in crescita del 20,1% rispetto al primo semestre del 2020, trainati dalla linea Steel. La Divisione Bluegame ha generato Ricavi Netti Nuovo per 20,7 milioni di euro, pari al 7,8% del totale, in crescita del 37,5% rispetto al primo semestre del 2020, grazie alla nuova linea BGX, con l’introduzione del secondo modello BGX60 lanciato nel 2020, e alle prime vendite del nuovo modello BG72.

Sanlorenzo

L’Ebitda rettificato è pari a 40,4 milioni di euro, in crescita del 56,8% rispetto a 25,8 milioni di euro nel primo semestre del 2020. Il margine sui Ricavi Netti Nuovo aumenta dal 14,0% nel 2020 al 15,3% nel 2021. L’Ebitda, comprensivo delle componenti non ricorrenti legate ai costi non monetari del Piano di Stock Option 2020 e alle spese sostenute per il Covid-19, ammonta a 40,0 milioni di euro, in crescita del 59,3% rispetto a 25,1 milioni di euro nel primo semestre del 2020. Il significativo e costante incremento dei risultati operativi è legato alle efficienze generate dalla nuova capacità produttiva ed al conseguente maggiore assorbimento dei costi fissi. La marginalità beneficia inoltre del cambiamento nel mix di prodotto a favore di yacht di maggiori dimensioni in tutte le divisioni e dell’incremento dei prezzi di vendita, che ha compensato l’aumento dei costi legati alle materie prime, in particolare per la produzione di semilavorati in composito. L’Ebit è pari a 29,8 milioni di euro, in crescita dell’86,9% rispetto a 15,9 milioni di euro nel primo semestre 2020. L’incidenza sui Ricavi Netti Nuovo aumenta dall’8,7% nel 2020 all’11,3% nel 2021, a fronte di un incremento dell’11,2% degli ammortamenti che si attestano a 10,2 milioni di euro, per effetto della messa a regime degli investimenti finalizzati allo sviluppo dei nuovi prodotti e all’incremento della capacità produttiva. Gli oneri finanziari netti sono pari a 616 migliaia di euro, in diminuzione del 43,5% rispetto al primo semestre del 2020, per effetto della riduzione dell’indebitamento e delle migliori condizioni finanziarie applicate al Gruppo dagli istituti di credito e, in misura minore, grazie a utili su cambi.

Gli investimenti ammontano a 12,0 milioni di euro (12,4 milioni di euro nel primo semestre 2020), con un’incidenza sui Ricavi Netti Nuovo del 4,6%. Gli investimenti per l’espansione delle gamme di prodotti sono pari a 6,9 milioni di euro (6,6 milioni di Euro nel primo semestre 2020).

La posizione finanziaria netta è pari a 26,4 milioni di euro di cassa (3,8 milioni di euro di cassa netta al 31 dicembre 2020 e 23,5 milioni di euro di indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2020), con un miglioramento di 49,9 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente dovuto alla forte generazione di cassa a livello operativo. Le disponibilità liquide ammontano a 117,0 milioni di euro (94,4 milioni di euro al 31 dicembre 2020 e a 80,7 milioni di euro al 30 giugno 2020). La liquidità complessiva disponibile al 30 giugno 2021 è pari a 259,7 milioni di euro, inclusi affidamenti bancari non utilizzati per 142,7 milioni di euro.

Nel 2022 è previsto il lancio di tre nuove linee: SP (“Smart Performance”), X-Space e BGM (Bluegame Multi-hull). Si tratta di tre nuove linee con cui Sanlorenzo entra in nuovi segmenti di mercato, caratterizzate da funzionalità inedite e fortemente ispirate a criteri di sostenibilità, che guidano anche le attività di Ricerca e Sviluppo, le quali oggi sono particolarmente focalizzate sulle tematiche dello yacht diesel elettrico e dell’impiego marino delle fuel cell. A supporto della crescita attesa, Sanlorenzo ha previsto nel secondo semestre investimenti per un valore complessivo di 17,9 milioni di euro destinati all’acquisizione di infrastrutture industriali adiacenti agli stabilimenti produttivi di Viareggio, Massa e La Spezia, che si tradurrà in un significativo aumento della capacità produttiva per rispondere all’accelerazione delle vendite.

Il portafoglio ordini al 31 agosto 2021, prima dell’apertura della stagione dei saloni nautici, è pari a 1.011,8 milioni di euro (di cui 557,8 milioni di euro riferiti al 2021), coperto per circa il 90% da clienti finali. Con un order intake dalla fine del primo semestre pari a 201,1 milioni di euro, il backlog risulta in forte crescita in tutte le divisioni, in particolare alimentato dalla performance della Divisione Superyacht. Alla luce dei risultati al 30 giugno 2021 e tenuto conto della successiva evoluzione del portafoglio ordini, la Società ha rivisto al rialzo la guidance per l’esercizio in corso, confermando le aspettative di una crescita a doppia cifra delle principali metriche.