Valencia, furia Barbéra

Non le manda a dire Rita Barberà, sindaco di Valencia, a Larry Ellison, detentore dell’America’s Cup dopo averla vinta lo scorso febbraio proprio in acque valenciane. In una conferenza stampa a Valencia, seguita alla comunicazione dei dettagli dell’offerta di San Francisco al defender, la Barberà ha apertamente detto che Larry Ellison e Russell Coutts non avrebbero rispettato gli accordi presi prima della Coppa 33. Nel farlo ha anche mostrato alla stampa la lettera firmata da Bmw Oracle in cui ci si impegnava a disputare la Coppa 34 a Valencia in caso di vittoria.

Da FareVela – Come si ricorderà, tale impegno faceva parte delle strategie legali e di comunicazione allora in corso prima della sfida con Alinghi. D’altra parte , secondo l’informato blog del giornalista spagnolo Jaume Soler, Ellison si sarebbe “vendicato” della manifesta simpatia della Barberà per Alinghi, fatto nato comunque dalla splendida edizione disputata nel 2007 che vide la città di Valencia ospitare per 4 anni l’intera comunità dell’America’s Cup con soddisfazione generale e logistica perfetta con le basi e il Port America’s Cup. Come si ricorderà, quell’edizione non si concluse positivamente per Bmw Oracle nonostante il mega budget speso da Larry Ellison e dall’allora suo skipper Chris Dickson. Bmw Oracle fu nettamente battuto da Luna Rossa per 5 a 1 nella semifinale dei challenger.

Ma la Barberà va oltre, come riporta fedelmente il quotidiano valenciano Las Provincias. Bmw Oracle a fine anno lascerà anche la sua base nel Port America’s Cup per trasferirsi, secondo quanto risulta a Fare Vela, ad Auckland. “Dopo essersi impegnati per ripetere la Coppa a Valencia”, ha detto la “alcaldesa”, “sembra che si siano decisi per San Francisco”, sottolineando come Valencia non abbia preso parte a nessun processo di selezione dove presentare le sue potenzialità. “Non è stato avviato nessun procedimento selettivo, nonostante Valencia avesse offerto la sua Darsena, valutata 250 milioni di dollari, per accogliere l’evento”. Barberà ha anche negato che la città abbia offerto altri 250 milioni di dollari per avere l’evento. “Sappiamo invece”, ha continuato il sindaco, “che la municipalità di San Francisco ha offerto 270 milioni di dollari, direttamente o con sponsorizzazioni, più 160 milioni di dollari per una prima sistemazione delle opere necessarie ai moli, che saranno poi completate a spese di Larry Ellison in cambio di 25 anni di sfruttamento”

Come si ricorderà, dopo il successo della Coppa 32 nel 2007, Valencia spese altri 7 milioni di euro per la numero 33 nel febbraio 2010. La congiuntura economica internazionale e in Spagna, tra l’altro, ha impedito alla capitale della Comunitat (PP, centrodestra) di aggiudicarsi nuovi eventi, seguendo in questo le direttive del Governo centrale di Madrid (Zapatero, PSOE, centrosinistra) che imponevano austerità.

Il re è nudo, quindi? Certo è che Valencia aveva già tutte le strutture necessarie per ospitare ancora l’evento, ma è anche ormai palese che la scelta di San Francisco fosse la primaria di Bmw Oracle, con una buona dose di dollari che pioveranno, pare, nelle già capienti tasche di Mister Oracle Larry Ellison.

Fonte: FareVela

Share