La Coppa America manca ancora di “eroi”

Il calcio e i motori sono da sempre nel dna della nostra azienda“, ha dichiarato a Sailbiz.it Jacques Raynaud, vice-presidente di Eurosport (impegnato in queste ultime due settimane nel lancio del 3D al Roland Garros di Parigi in co-partnership con Panasonic). “Il football, così come il motociclismo, ha i suoi eroi e la gente li cerca per immedesimarsi in loro. Non sono tanti gli sport che possono vantare queste caratteristiche. E’ questa la differenza, per esempio, tra il calcio e la vela. Il sailing è uno sport fantastico, impattante come immagini, ma poi se andiamo a vedere anche il più grande evento per broadcasting (la Coppa America) ci si accorge che non riesce ancora a bucare come il calcio e i motori“.

E che idea si è fatta di questo?
“La gente vuole entrare in un contatto empatico con chi partecipa all’evento. Questo nel calcio è possibile da sempre  e lo stesso avviene nel MotoMondiale, con personaggi del calibro di Valentino Rossi, ma se penso alla vela non posso dire la stessa cosa. I velisti che hanno vinto l’America’s Cup sono dei grandissimi professionisti, alla pari di altri, ma non emozionano come un grande calciatore. Sono troppo lontani dal vissuto del grande pubblico. Questo aspetto fa sì che anche le televisioni non investano oltre quella che può essere la produzione prevista nei contratti. Da questo punto di vista la vela e i suoi eventi più importanti devono fare un ulteriore importante upgrade. Ci sono state tra l’altro delle gare nelle ultime edizioni della Coppa America di cui si conosceva il risultato sin dall’inizio. Anche questo aspetto non facilita lo sviluppo di competizioni come l’America’s cup”.

 

Eppure Russell Coutts, lo skipper kiwi prima di Alinghi e poi di Bmw Oracle  Racing è considerato il “Maradona” del match race.
“Lo è sicuramente, lo stimo come atleta di grandissimo livello, ma non ha la popolarità di campioni di altri sport. E’ molto noto nel suo mondo, ma lo sport non è solo per gli addetti ai lavori. Le tv devono produrre per il grande pubblico. Ecco perchè ancora oggi il football non ha rivali. Quando la vela
troverà il suo Valentino Rossi, non solo per risultati ma per simpatia, impatto tv e caratteristiche emozionali allora entrerà in una nuova dimensione”.

Share