Adrenalina pura per il freestyle nelle acque del Garda

Si svolgerà a Brenzone, sulla sponda veronese del Lago di Garda, nei giorni 16 e 17 luglio, il primo Campionato vela Freestyle, due giorni di regate dal formato e dal percorso inediti, che potranno includere, compatibilmente con le condizioni meteo, 5 bordi in poppa, cancelli, figure a “8” e slalom. La manifestazione, in origine prevista a Torbole, è organizzata dallo Yacht Club Acquafresca di Brenzone CON Eurosaf (European Sailing Federation, www.eurosaf.org) e il supporto di RS Sailing  e Boattech, importatore in Italia delle derive RS con sede a Brenzone e co-padrone di casa, con lo Yacht Club, della manifestazione. Due le barche selezionate per la prima edizione dell’evento cui saranno ammessi 32 iscritti, 16 per ogni classe: l’RS Feva per la flotta “dei piccoli”, nati fra il 1993 e il 1996, l’RS 100 per i partecipanti Senior, nati prima del 1993. Entrambe le derive, facili da condurre e adatte a percorsi veloci, sono importate In Italia da Boattech e saranno messe a disposizione dallo Yacht Club per la manifestazione.

La competizione prevede una prima fase eliminatoria con una regata di flotta lungo un percorso “coast to coast”, per procedere alle semifinali e infine alla finale con un percorso parallelo  uno contro uno, che determineranno il vincitore per ognuna delle due classi (RS Feva e RS 100). Verrà applicato il sistema del punteggio più basso per ogni regata, la cui somma concorrerà il calcolo del punteggio finale con un minimo di tre prove completate. Saranno premiati i primi tre classificati per ognuna delle classi.

Divertimento e novità in acqua, ma anche spettacolo assicurato per chi assisterà alla manifestazione. “La vela è uno sport bellissimo per chi lo pratica – commenta Marco Predieri, presidente di Eurosaf – ma non altrettanto emozionante per chi lo guarda. Ci auguriamo che questo nuovo formato di regata contribuisca ad avvicinare la vela al grande pubblico anche grazie all’interessamento dei media”.

Alla manifestazione sono attesi partecipanti provenienti da diversi Paesi, quali Regno Unito, Svezia, Turchia, Argentina, Finlandia, Slovenia e Italia.

L’RS 100, presentata al’inizio del 2010, ha riscosso da subito un enorme successo. Ne sono stati venduti oltre 300 esemplari in 15 Paesi. A questi risultati corrisponde anche una presenza sui campi di regata e un aumento degli eventi dedicati, come l’Euro Gp che prevede anche una tappa in Italia dal 2 al 4 luglio a Gravedona, sul Lago di Como. L’RS 100, firmato da Paul Handley. è un singolo performante ma non estremo di 4,30 metri, con gennaker di 12,5 mq, terrazze e senza trapezio. Lo scafo ha una struttura in sandwich e resine epossidiche per ottenere leggerezza, rigidità e durata; le linee d’acqua, non esasperate, sono fini a prua e larghe a poppa e garantiscono una buona stabilità, il lungo spigolo in carena aiuta ad anticipare e facilitare l’entrata in planata. Albero, boma e bompresso in carbonio, timone e deriva basculanti.

L’RS Feva nasce in Gran Bretagna nel 2002, ha avuto uno sviluppo molto rapido ed è diffuso in oltre 30 Paesi. Attualmente ne esistono circa 6000 esemplari, di cui circa 250. Lo scafo a spigolo, l’alta stabilità di forma, le dimensioni, la resistenza agli urti del materiale inaffondabile, la bassa manutenzione e il costo contenuto la rendono ideale per i ragazzi fino a 16 anni, che possono perfezionare la conduzione di una deriva completa di fiocco ed eventuale gennaker, ma adatta a velisti di ogni età in Italia. È un’imbarcazione da portare in doppio – adatta anche all’uso in singolo nel caso di adulti – pensata per favorire l’apprendimento della vela dei giovani prima di approdare alle classi più avanzat. L’RS Feva è riconosciuta dall’ISAF (International Sailing Federation) e dalla FIV (Federazione Italiana Vela) ed è una delle barche incluse nel progetto Under 16 della FIV per la formazione giovanile alla vela.

 


 

Share