America’s Cup 2017, la Francia c’è già!

Oggi mercoledì 11 dicembre, presso il Salone Nautico di Parigi , Franck Cammas , Michel Desjoyeaux e Olivier de Kersauson hanno presenteto il Team France, focalizzato alla prossima Coppa America , nonché la formazione di giovani ingegneri e piloti. Un bel numero di personalità del mondo economico, istituzionale, sportivo e dei media è arrivato per dare il loro sostegno a questo trio e per creare il club dei soci fondatori . Il supporto di tutti i francesi della Nautical Industries Federation giunto per la presentazione del progetto battente bandiera francese sotto i colori Yacht Club de France per la partecipazione alla prossima Coppa America, in programma per il 2017 . Gli elementi del protocollo che disciplina questo evento sono ancora da confermare ( tipo di imbarcazione , regola la nazionalità , la data e il luogo per la selezione Coppa America) , l’obiettivo del presente bando è stato quello di dimostrare che la Francia potrebbe essere un legittimo pretendente alla brocca d’argento !

Un gruppo unito

In questo tipo di sfida , il finanziamento è un prerequisito , ma non è sufficiente di per sé : ciò che conta di più è la raccolta delle competenze tecnologiche , sportive e talenti . Il Club dei soci fondatori che compongono squadre Francia vanta quindi alcuni mecenati illustri . Bruno Bich , il figlio del barone Bich , che fu il primo proprietario della barca francese in Coppa America nel 1965 … Thierry Martel , Amministratore Delegato di Groupama , che conferma il suo sostegno a Franck Cammas per l’elemento sportivo per i prossimi due anni. Bertrand Méheut , presidente del gruppo Canal + , che si impegna a seguire l’evento sportivo , la preparazione e il montaggio del Team Francia, con le sue varie trasmissioni . Stéphane Kandler , che era l’ ultimo rappresentante francese durante la 32ma America e sta prendendo la carica di Direttore Generale del Team. Yves Lagane , Presidente dello Yacht Club de France , che presentare la sfida con gli americani dal San Francisco Yacht Club , titolare della brocca d’argento . E infine Jean – Pierre Champion, presidente della Federazione Francese di Vela , che porterà la sua prudenza e il sostegno a questa nuova , ampia , sfida sportiva .

Infatti , quando l’ambizione è grande , è necessario grandi uomini : Franck Cammas , eletta velista francese dell’Anno pochi giorni fa per la seconda volta consecutiva , Michel Desjoyeaux , uno dei migliori specialisti solisti francesi della Francia , così come la persona dietro Mer Forte , una ricerca e sviluppo stabile della Bretagna Port-la – Forêt , e Olivier de Kersauson , armatore e l’ex detentore del titolo del Trofeo Jules Verne , che è stato un appassionato di Coppa America per decenni , hanno così messo in comune le rispettive capacità e competenze per creare squadre Francia , che ha due obiettivi chiari : per prepararsi e quindi partecipare alla prossima Coppa America di formazione di un team di 80 marinai, ingegneri, tecnici e logisti … così come scoprire e formare giovani talenti da tutti i diversi settori della navigazione per partecipare ai grandi eventi sportivi , sia costiere e in mare aperto .

Franck Cammas : creare un team
“Sono molto orgoglioso di presentare questa nuova sfida che vedrà Michel , Olivier e io insieme per un lungo viaggio . E ‘ già passato un anno da Groupama e ho parlato con chiarezza l’obiettivo di prendere le cose per quanto riguarda la Coppa America : il progetto è maturato ed era evidente che era necessario formare una squadra. Noi siamo motivati e complementari nella nostra ricerca di convincere gli altri che il Team Francia può tirare fuori una prestazione degna di questo nome in quello che è uno dei concorsi più difficili da vincere. La Francia vanta il talento , esperienza tecnologica e il desiderio collettivo e questa è un’altra ragione per cui questo è un progetto a lungo termine per formare giovani velisti e ingegneri all’interno di una rete sportiva in via di sviluppo . L’ esempio dato da Team New Zealand è un buon riferimento per delineare i nostri obiettivi e questa sfida : credo che possiamo creare un gruppo simile duraturo , ” .

 

Share