Boris Herrmann - Seaexplorer

IMOCA Globe Series, la vittoria va a Boris Herrmann. Ecco i progetti per il futuro

Lo skipper tedesco Boris Herrmann, quinto nella classifica del Vendée Globe 2020-2021 con il suo Seaexplorer-Yacht Club de Monaco, ha vinto le IMOCA Globe Series 2018-2021. Per stilare la classifica del campionato IMOCA vengono considerati i punteggi degli skipper e dei loro team nelle principali regate della Classe IMOCA, tra cui il Vendée Globe, la Route du Rhum, la Transat Jacques Vabre, la Bermuda 1000 e il Vendée Arctique.

Boris Herrmann ha conquistato il quinto posto della classifica del Vendée Globe, il sesto posto nella regata Bermudes 1000, il settimo nella Rolex Fastnet Race e il quinto nella Route du Rhum. Herrmann, 39 anni, è considerato tra i migliori ambasciatori della Classe IMOCA. “Per prepararci bene – ha affermato Herrmann -, per essere sicuri e per creare valore per i nostri sponsor e per sviluppare il progetto, volevamo partecipare a tutto il programma IMOCA e fare il più possibile. E lo abbiamo fatto”. Lo skipper ha quindi aggiunto: “Abbiamo finito tutte le gare e non ne abbiamo mai abbandonata una, il che è fantastico. C’è un po’ di fortuna, ovviamente. Ma non abbandonare è davvero importante per me ed è più importante del risultato in una gara specifica”.

Nel commentare il primo posto nel campionato IMOCA Globe Series, lo skipper si è detto orgoglioso, ma ha anche spiegato che è comunque importante ricordare che molti dei suoi rivali non sono riusciti a completare il programma o perché in attesa di uno sponsor o perché in attesa della preparazione delle barche. In merito, Herrmann ha detto: “Naturalmente sono felice, ma dobbiamo essere onesti. Penso che il progetto di Yannick sia iniziato più tardi rispetto al nostro e non tutti hanno i mezzi finanziari o le possibilità di pianificazione la partecipazione a tutte le gare”.

Boris Herrmann - Seaexplorer

Nel frattempo, Boris Herrmann sta già progettando di acquisire o costruire una nuova barca per il prossimo Vendée Globe e attende con impazienza un altro programma completo di regate IMOCA. “Certamente – ha detto Herrmann – restiamo nella classe IMOCA. Cercheremo di ottenere la migliore barca su cui poter mettere le mani o da costruire. E, si spera, di poter regatare quest’anno con il nuovo proprietario della nostra attuale barca”.

In conclusione, lo skipper numero uno del campionato IMOCA ha raccontato di aver avuto una conversazione telefonica con il capitano del peschereccio spagnolo con il quale si è scontrato nella fase finale del suo Vendée Globe. “Siamo andati molto d’accordo – ha detto -. Lavoriamo entrambi in mare, quindi siamo una specie di colleghi. Mi sono scusato per aver creato un po’ di stress. Erano davvero profondamente dispiaciuti per quello che è successo. Seguono il Vendée Globe – il capitano è un fan del Vendée Globe – ed erano davvero rammaricati per il fatto che a causa dello scontro ho perso delle posizioni. Erano preoccupati per me. Sono brave persone”.

Il presidente della classe IMOCA, Antoine Mermod, ha affermato: “A nome di tutti i miei colleghi di IMOCA ci congratuliamo con Boris e il team Malizia, che hanno completato un incredibile campionato IMOCA Globe Series. Herrmann è modesto, ma il suo piazzamento, in testa a una classifica molto competitiva, sottolinea che il Team Malizia ha fissato uno standard elevato quando si tratta di competere nella Classe IMOCA e non vediamo l’ora di rivederli nelle nuove serie”.

IMOCA Globe Series, la Top 10

1 – Boris Herrmann (GER) – Seaexplorer-YC of Monaco – 526 punti

2 – Yannick Bestaven (FRA) – Maître CoQ IV – 517 punti

3 – Charlie Dalin (FRA) – APIVIA – 512 punti

4 – Thomas Ruyant (FRA) – LinkedOut – 460 punti

5 – Jérémie Beyou (FRA) – Charal – 422 punti

6 – Damien Seguin (FRA) – Groupe APICIL – 417 punti

7 – Louis Burton (FRA) – Bureau Vallée 2 – 415 punti

8 – Giancarlo Pedote (ITA) – Prysmian Group – 404 punti

9 – Clarisse Crémer (FRA) – Banque Populaire X – 370 punti

10 – Jean Le Cam (FRA) – Yes We Cam! – 368 punti

Yannick Bestaven, primo classificato nel Vendée Globe 2020-2021 e secondo classificato nel campionato IMOCA, ha spiegato che il campionato IMOCA Globe Series ha aiutato lui e il suo team a prepararsi per il Vendée Globe. “Questo secondo posto – ha affermato – valorizza e premia il lavoro della mia squadra negli ultimi quattro anni. Sapevo che più navigavo nelle Globe Series, meglio sarei stato equipaggiato per il giro del mondo”. Lo skipper del Maitre Coq IV ha poi aggiunto: “Penso anche che sia una grande cosa la vittoria di Boris. E’ stato estremamente meritevole in questo Vendée Globe e dal 2018, è molto positivo per l’internazionalizzazione della classe coinvolgere velisti come lui. Spero che questo continui”. Il vincitore del Vendée Globe ha anche detto che vorrebbe vedere più gare con equipaggio nella Classe IMOCA: “Credo nella partnership con The Ocean Race e spero che più squadre straniere si uniranno a noi nella classe IMOCA”.

Il terzo posto nel campionato IMOCA è stato conquistato da Charlie Dalin, secondo il quale questo risultato sottolinea quanto sia andata bene la campagna APIVIA dal suo lancio nell’estate del 2019. In particolare, Dalin ha spiegato: “Il campionato si sviluppa nel tempo e motiva i team a navigare in tutti gli eventi, anche nei meno prestigiosi quelli. Tutti questi eventi aiutano a sviluppare prestazioni migliori”.

Arrivée de Giancarlo PEDOTE lors du Vendée-Globe 2020/21 aux Sables d’Olonne

Nella Top 10 del campionato IMOCA Globe Series c’è anche lo skipper italiano Giancarlo Pedote. Per lui l’ottava posizione, così come nel Vendée Globe 2020- 2021. In un’intervista rilasciata a Sailbiz, Pedote ha raccontato la sua avventura. O meglio, ha raccontato la sua sfida oceanica e la sua sfida con se stesso. Continuando a regalare grandi emozioni.