Programmare le Olimpiadi in casa vuol dire mettere la persona giusta nel posto giusto

Nell’estate del 2028 ci saranno le Olimpiadi a Los Angeles e in quell’occasione gli US non vogliono sbagliare un colpo. Per questo motivo è stato commissionato uno studio alla McKinsey per capire l’impatto economico e soprattutto quali i sono i driver fondamentali per generare economia. La risposta è vincere.
Una programmazione a lungo termine. Infatti per questo motivo entra in un programma a dieci nel team americano Paul Cayard che avrà pieni poteri per non perdere questa grande opportunità. Il pragmatismo americano insegna.

Paul Cayard

Da Sailing Scuttlebutt

US Sailing ha nominato Paul Cayard (San Francisco, CA) nel ruolo di Direttore Esecutivo di US Olympic Sailing. Cayard prenderà il timone della US Sailing Team, compreso il programma US Olympic Sailing. “La passione di Paul per la vela olimpica e la sua spinta all’eccellenza hanno ispirato per decenni i velisti americani, sia dentro che fuori dall’ippodromo“, ha affermato Cory Sertl, Presidente di US Sailing. “Le sue forti capacità ed esperienze di leadership, combinate con la sua energia ed entusiasmo, saranno una risorsa enorme per il programma. Non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con Paul mentre ci prepariamo per i Giochi di Tokyo del 2021 e crediamo nella sua visione per il nostro futuro mentre guardiamo avanti a Parigi 2024 e LA 2028 “.

PAUL CAYARD LA MOTIVAZIONE

Cayard ha una lunga collaborazione con la Star Class, vincendo il Campionato del Mondo 1988. Cayard è stato selezionato come sostituto nell’evento per le Olimpiadi di Los Angeles 1984 prima di finire quinto alle Olimpiadi di Atene 2004.  “Essere un olimpionico è sicuramente parte della mia motivazione”, ha detto Cayard. “Tuttavia, essere un americano e far parte di un movimento per sostenere i marinai americani che prendono il loro giusto posto tra le competizioni di livello mondiale è la mia motivazione più forte“.

Complessivamente, il nativo di San Francisco è un sette volte campione del mondo, sette volte partecipante alla Coppa America, ha circumnavigato il mondo due volte, diventando il primo americano a vincere la Whitbread Round the World Race nel 1998. Nel 1998 è stato selezionato come Rolex Yachtsman of the Year e nel 2011 è stato inserito nella National Sailing Hall of Fame.

Il mio contributo consisterà nel dipingere la visione, nel guidarne l’esecuzione e nel raccogliere sostegno per quella visione”, ha spiegato Cayard. “Promuoverò una cultura dell’eccellenza, dell’impegno, della dedizione, del lavoro di squadra, della professionalità e, in ultima analisi, della soddisfazione.”

Cayard è uno dei pionieri di questo sport nella gestione delle squadre di vela e vanta una vasta esperienza nel lavorare con aziende Fortune 500 come Disney, Ford e United Technologies. Ambasciatore Rolex dal 1998, Cayard ha anche sostenuto vari marchi tra cui Oakley e Zegna.

“Ogni squadra è unica e ogni sfida è unica e richiede soluzioni uniche”, ha aggiunto, esprimendo ottimismo e fiducia nel futuro della US Olympic Sailing.