Suzuki

Suzuki marine, i risultati finanziari dell’esercizio 2020

Suzuki ha annunciato i risultati finanziari per l’esercizio 2020, da aprile 2020 a marzo 2021. Qual è stato l’andamento di Suzuki marine? Vediamo insieme.

Per quanto riguarda in particolare il settore Suzuki marine, il fatturato è aumentato rispetto all’anno precedente di 8,9 miliardi di yen (74,2 milioni di euro) (11,9%), arrivando a 83,4 miliardi di yen (695,0 milioni di euro), mentre l’utile operativo, confrontato con quello dell’esercizio precedente, è aumentato di 3,0 miliardi di yen (25,0 milioni di euro) (21,1%) e ha raggiunto i 17,1 miliardi di yen (142,5 milioni di euro), specie in virtù della domanda crescente di grandi motori fuoribordo in America del Nord.

Microplastiche In Mare, Con Questo Dispositivo Per Motori Fuoribordo Si Pulisce Navigando

Nel complesso, invece, Suzuki ha fatto sapere che il fatturato consolidato è diminuito di 310,2 miliardi di yen (2,6 miliardi di euro) (8,9%), attestandosi a 3.178,2 miliardi di yen (26,5 miliardi di euro). L’utile operativo è diminuito di 20,7 miliardi di yen (172,5 milioni di euro) (9,6%), attestandosi a 194,4 miliardi di yen (1,6 miliardi di euro), principalmente a causa della flessione delle vendite e dell’aumento dei prezzi delle materie prime. L’utile della gestione ordinaria è, invece, aumentato di 2,9 miliardi di yen (24,2 milioni di euro) (1,2%), raggiungendo i 248,3 miliardi di yen (2,1 miliardi di euro).

L’utile netto attribuibile agli azionisti della capogruppo è aumentato di 12,2 miliardi di yen (101,7 milioni di euro) (9,1%) rispetto allo scorso esercizio, arrivando a 146,4 miliardi di yen (1,2 miliardi di euro) grazie anche alla contabilizzazione di 14,2 miliardi di yen (118,3 milioni di euro) come sopravvenienza derivante dalla vendita di investimenti in azioni.

Per quanto riguarda i dividendi, nel Piano Gestionale di Medio Periodo (da aprile 2021 a marzo 2026) – Mid Term Management Plan “Sho-Sho-Kei-Tan-Bi” – annunciato lo scorso 24 febbraio 2021, l’Azienda ha fissato il pagamento dei dividendi a una quota del 30%. Sulla base di questa indicazione, l’Azienda ha stabilito di corrispondere un dividendo annuale di 90 yen (0,78 euro) per azione, con un conguaglio di fine anno di 53 yen (0,44 euro) per azione.

In merito ai risultati operativi per aree geografiche, il fatturato netto e gli utili sono nel complesso diminuiti in Giappone, in Europa e in Asia, dal momento che da luglio in poi non è stato possibile recuperare la flessione accusata da entrambe le voci di bilancio nel periodo da aprile a giugno. Per quanto riguarda infine le previsioni sui risultati operativi consolidati, a causa dei molti elementi di incertezza che potrebbero condizionare le previsioni riguardanti i risultati dell’attività aziendale, come per esempio l’impatto della diffusione del nuovo coronavirus in India, le previsioni sui risultati operativi consolidati relative al prossimo esercizio fiscale restano indefinite. Le previsioni saranno comunicate non appena sarà possibile calcolare i dati in modo razionale e attendibile.