Un italiano nel Paralympic Committee: Massimo Dighe in squadra World Sailing

Massimo Dighe entrerà a far parte dell’International Paralympic Committee (IPC) come vicedirettore di World Para Sports il 1° luglio 2022. In qualità di velista paralimpico in rappresentanza dell’Italia a Londra 2012, conta il secondo momento clou della sua carriera sportiva essendo stato nominato Para World Sailing Manager di World Sailing nel 2016.

“Il momento clou della mia carriera dopo essere entrato a far parte di World Sailing è la creazione del Programma di sviluppo paralimpico di World Sailing: dal suo lancio nel 2017, oltre 210 velisti e allenatori di 39 paesi in sei continenti ne hanno beneficiato. Ciò ha avuto un enorme impatto sull’inclusione e la partecipazione in tutto il mondo e continuerà a fare così bene in futuro”, ha affermato Dighe.

“I nostri Campionati del mondo sono ora economicamente sostenibili grazie alle barche fornite, rendendo molto più facile la competizione per gli atleti. Anche l’intermediazione di relazioni al di fuori della vela con organizzazioni chiave tra cui la Virtus e l’Associazione delle organizzazioni sportive paralimpiche (APSO) è stata fondamentale per la crescita del Para Sailing. Inutile dire che porterò a vela i miei nuovi colleghi del Comitato Paralimpico Internazionale!”

Dighe – che nel 2018 è diventato il primo membro dello staff di World Sailing a vincere l’ambito World Sailing President’s Award – mancherà molto alla comunità mondiale della vela.

“Massimo è stato un incredibile ambasciatore della vela paralimpica – la sua passione e il suo impegno per lo sviluppo di questo sport, così come per il reinserimento nei Giochi Paralimpici, sono stati sbalorditivi”, ha affermato David Graham, CEO di World Sailing. Va al Comitato Paralimpico Internazionale con la nostra piena benedizione per sviluppare e guidare il para sport globale”.

Dighe svolgerà un ruolo chiave per World Para Sports poiché il Comitato Paralimpico Internazionale raggiunge

un traguardo significativo. “Massimo Dighe si unisce a noi in un momento molto importante della riforma della governance dell’IPC”, ha spiegato l’amministratore delegato di World Para Sports Christian Holtz.

“Dopo l’approvazione della Costituzione riveduta dell’IPC all’Assemblea Generale nel dicembre 2021, stiamo attualmente preparando il trasferimento di quattro sport sulla neve para e stiamo pianificando il trasferimento all’indipendenza dei restanti sei sport paracadutisti mondiali. Massimo porterà un’esperienza inestimabile al nostro team. Dopo aver attraversato l’integrazione del Para Sailing nel World Sailing, il World Para Sports trarrà vantaggio dalla sua conoscenza ed esperienza e, come paralimpico, Massimo farà in modo che gli interessi degli atleti siano ben rappresentato nei nostri processi”.

“Come Paralimpico, riconosco quanto sia importante avere una Federazione Internazionale dietro di te per raggiungere i tuoi risultati. Lavorando in World Sailing, ho fatto parte del processo che ha portato all’inclusione del Para Sailing nella loro struttura. Mi è familiare con le diverse sfide coinvolte, nonché le opportunità che questo processo porta per rendere gli sport più sostenibili in termini di partecipazione, competizione e finanziari, fornendo maggiori opportunità agli atleti e ai tesserati. Provo molta eccitazione e responsabilità di far parte del Comitato Paralimpico Internazionale durante questo processo cruciale. Si tratta di un gruppo eterogeneo di sport e ognuno ha le sue caratteristiche che devono essere considerate. La mia massima priorità è garantire che continuino a prosperare in termini di competizione, riconoscendo anche l’importanza degli aspetti sociali e inclusivi. Non vedo l’ora di lavorare con il team perché questo accada”.