Barche carta

Rinnovo patente nautica 2020, cosa sapere

Quando deve essere effettuato il rinnovo della patente nautica 2020? Quali documenti servono e cosa sapere? Diamo uno sguardo ad alcune informazioni utili per chi ha un’imbarcazione e deve aggiornare la propria licenza.

Rinnovo patente nautica scaduta 2020

Il rinnovo della patente nautica scaduta deve essere fatto ogni dieci anni, proprio come accade per il rinnovo della patente auto. I tempi si accorciano se il titolare ha già compiuto i 60 anni. In questo caso, il rinnovo della patente nautica deve essere effettuato ogni cinque anni. 

Documenti rinnovo patente nautica 2020

Per poter procedere con il rinnovo della patente nautica scaduta sono necessari alcuni documenti: il certificato medico rilasciato da una struttura sanitaria pubblica, la carta d’identità, la tessera sanitaria o il tesserino del codice fiscale, il Modello Unico con marca da bollo, la stessa patente nautica scaduta o in scadenza, tre fototessere. Le sanzioni amministrative previste per chi conduce un’imbarcazione con patente nautica scaduta vanno dai 207 ai 1.033 euro.

Patente nautica, quando serve

La patente nautica, per conseguire la quale bisogna aver compiuto i 18 anni di età, è necessaria per condurre determinati natanti e determinate imbarcazioni. Come indicato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la patente nautica da diporto è obbligatoria per: 

  • la navigazione con natante e imbarcazioni nelle acque interne e nelle acque marittime entro 6 miglia dalla costa, quando a bordo sia installato un motore con potenza superiore a 30 kW (pari a 40.8 Cv) e, comunque, con cilindrata superiore a 750 cc, se a carburazione a due tempi o a 1000 cc, se a carburazione a 4 tempi fuoribordo, o se a iniezione diretta; o a 1300 cc, se a carburazione a 4 tempi entrobordo o a 2000 cc, se a motore diesel; quindi se la potenza massima rientra nella norma, cioè è uguale o inferiore a 40.8 Cv, ma la cilindrata supera quelle indicate sopra scatta l’obbligo della patente, e viceversa;
  • tutte le unità in navigazione oltre le sei miglia dalla costa, indipendentemente dalla motorizzazione;
  • la condotta delle moto d’acqua, senza tener conto della potenza del motore;
  • esercitare lo sci nautico, indipendentemente dalla potenza del propulsore.

Sempre in base a quanto sottolineato dal Mit, la domanda per conseguire la patente nautica per il comando di navi da diporto deve essere presentata alla Capitaneria di Porto del luogo di residenza. 

Per conseguire la patente nautica entro le 12 miglia dalla costa, la domanda può essere presentata alle Capitanerie di Porto, agli Uffici Circondariali Marittimi e agli Uffici Provinciali della Motorizzazione. 

Per conseguire le patenti senza alcun limite, la competenza è solo delle Capitanerie di Porto e degli Uffici Circondariali Marittimi.

Mini patente nautica e patentino, la proposta

In tema di patente nautica, Assonautica Venezia ha lanciato la proposta di una mini patente nautica, da introdurre all’interno dei licei, per i ragazzi che hanno 18 anni e un patentino a partire dai 14 anni di età. Il tutto con un importante obiettivo: permettere ai più giovani di andare per mare in modo consapevole e sicuro, con natanti della potenza adeguata all’età e rispettando regole ben precise.

Foto: padrinan – Pixabay