The Defender

Dalton e la sua visione della Coppa

Riportiamo stralci dell’intervista che Grant Dalton ha rilasciato ad Auckland al blog “Sailing in Marin” in cui il CEO di Team New Zealand dà una sua visione della Coppa e di come Russell Coutts stia organizzando la prossima.Grant Dalton, direttore generale di Emirates Team New Zealand dal suo ufficio di Auckland, che per ironia della sorte era prima e quello di proprietario di Alinghi Ernesto Bertarelli durante la Coppa 2002-03, rilascia un’intervista sulla sua visione della Coppa America affermando che l’unico motivo per partecipare è  vincere. I passaggi che sono stati evidenziati sono quelli relativi agli impatti economici di questa avventura e gli elementi fondamentali per cui uno sponsor dovrebbe decidere di legarsi ad un team.

LOCATION
Senza sapere la location non si può pensare di trovare nemmeno un  centesimo, perché la scelta di uno sponsor è inevitabilmente legata al mercato di riferimento e quindi a quello dove si svolgerà l’evento. Per far meglio capire Dalton fa un semplice esempio: “uno dei nostri sponsor principali durante l’ultima Coppa  è stato Estrella Damm – una società birra spagnola.  Già sappiamo che se l’evento si svolgerà a San Francisco, Estrella non sarà della partita e quindi noi perderemo un sacco di soldi. Quindi, non posso davvero prendere una decisione finché non avrò una sede”.

REGOLE
Le regole sono le regole e se non hai la Coppa, non è possibile fare le regole. È possibile spendere un sacco di tempo a pensare che stai facendo la differenza e che tu stai facendo il massimo! Emirates Team NZ  sta facendo il massimo per le sponsorizzazioni – si può solo mangiare un elefante, un boccone alla volta e solo questo  posso fare giorno dopo giorno; ci stiamo concentrando su cose che ci permettono di essere in Coppa America anche se sarà a San Francisco. Abbiamo anche un in corso un programma di Volvo Ocean Race, che da solo è un programma molto grande per un posto piccolo come questo.

BUDGET PER VINCERE

 Sir Keith Mills (GBR) è l’unico che ha avuto il coraggio di dire come stanno le cose. La Coppa America non è un evento a buon mercato, ma non è nemmeno vicino ad essere a buon mercato. E ‘solo un modo elegante per PR. Naturalmente è possibile farlo a buon mercato ma senza ambizioni di vittoria. Se BOR decidesse di vendere i disegni, perché è nella Regola, allora si aprirebbero opportunità per nuove squadre. Io sono abituato vincere,  ma i numeri dell’evento mi fanno capire che anche questa volta per vincere c’è bisogno di un budget importante anche se non c’è motivo per cui Emirates Team NZ non dovrebbe giocare. Come Mills anche io ho deciso, vado a giocare a questo gioco per vincere, non per competere. Per essere subito a vincente non è a buon mercato, non è nemmeno vicino a buon mercato.

Marin Independent Journal sailing columnist Michelle Slade

 

http://blogs.marinij.com/sailing_in_marin/2010/10/san-francisco-best-venue-says-emirates-team-nz-ceo.html

Share