Antonini Navi

Il Gruppo Antonini Spa entra nel Miglio Blu

Il progetto il “Miglio Blu – La Spezia per la nautica” si arricchisce. Si è infatti unito al distretto nautico spezzino, che vanta alcuni dei più importanti marchi al mondo, il Gruppo Antonini Spa.

L’amministratore unico del Gruppo Antonini Spa, Simone Antonini, ha spiegato: “La nautica è un nuovo mercato per noi in cui abbiamo investito da un paio d’anni, ma stare insieme ai più grandi brand italiani è una sfida che ci stimola”. E il direttore vendite Aldo Manna ha aggiunto: “Partecipare al Miglio Blu è un’opportunità ulteriore di creare sinergie con altri cantieri e diventare una calamita per i terzisti stranieri che vogliono investire nel territorio spezzino”.

Si ricorda che il Gruppo Antonini Spa, con il marchio Antonini Navi, ha deciso di entrare nel settore della nautica da diporto.

Ma che cos’è il “Miglio Blu – La Spezia per la nautica”? Si tratta di un progetto pensato per dare impulso alla creazione sul territorio spezzino di un distretto nautico di rilevanza internazionale. In occasione della sua presentazione, il sindaco di La Spezia, Pierluigi Peracchini, ha spiegato: “Il progetto ambisce a creare un distretto della nautica riconosciuto a livello internazionale e far diventare La Spezia Capitale Mondiale della Nautica. Il Miglio Blu è uno dei grandi progetti della nostra Amministrazione che lega insieme nuove infrastrutture, l’innovazione tecnologica e la formazione professionale per dare impulso alla creazione di nuovi posti di lavoro nell’eccellenza nautica di cui La Spezia è leader assoluta. Lungo un miglio di costa spezzina si trovano, infatti, tutte le eccellenze della nautica a cui daremo un’identità specifica con il brand Miglio Blu su cui puntiamo con investimenti nelle infrastrutture al fine di costruire un vero e proprio distretto della nautica con tutti i servizi dedicati. Non solo, gli investimenti riguardano anche la formazione grazie alla sinergia fra le imprese del settore, il Polo Universitario della Spezia, il DTLM, il CSSN della Marina Militare e il CMRE della Nato offrendo così il più alto livello di ricerca e innovazione per stimolare l’imprenditorialità locale e attrarre attività, imprese e investimenti extra-territoriali. Un progetto ambizioso che è stato supportato fin dall’inizio da Regione Liguria”.

Il protocollo d’intesa “Il Miglio Blu – La Spezia per la Nautica” è stato firmato l’8 giugno 2020 dal sindaco Pierluigi Peracchini, dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e dai rappresentanti dei cantieri navali Baglietto, Cantieri navali La Spezia, Cantieri Riva, Ferretti Group Fincantieri, Cantiere navale Michelini, Perini Navi, Porto Lotti e Sanlorenzo Yatch.

Come reso noto da un comunicato, “l’obiettivo del protocollo è quello di creare un nuovo distretto produttivo dedicato alla nautica e a tutte le attività ad essa connesse nell’area compresa tra il Molo Pagliari e il Muggiano, dove sono presenti diverse eccellenze del settore, importanti enti di ricerca internazionali, come il CMRE della NATO e il CSSN della Marina Militare e un porto turistico, Porto Lotti, in grado di offrire ogni servizio necessario ai diportisti. In poco più di un miglio marino, in un’area compresa tra il Molo Pagliari e il Muggiano alla Spezia, sono concentrate le maggiori eccellenze della nautica mondiali. In questa zona producono yacht e mega yacht i più prestigiosi brand della cantieristica da diporto: Cantieri Sanlorenzo Yacht, Cantieri Riva – Ferretti Group, Cantieri Baglietto – Baglietto Yachts, Fincantieri, ma anche Perini Navi, Cantieri Navali La Spezia e Navale Michelini. 4 dei primi 5 cantieri italiani che costruiscono imbarcazioni superiori ai 24 metri operano sul nostro territorio e di questi 4,2 sono classificati nelle prime 3 posizioni mondiali di settore”.