Marina di Pescara terzo marina d’Italia

Interessante articolo di Pietro Lambertini pubblicato oggi su Il Centro che affronta la questione posti barca a Pescara e che rileva la terza posizione di Pescara in Italia. La classifica dei posti barca è interessante anche per capire la geografia della disponibilità in un Paese con 8000km di coste.

di Pietro Lambertini – Il Centro del 17 agosto 2010
PESCARA. Sono 950 posti barca più un centro commerciale con 14 negozi e uno spazio espositivo di 6.650 metri quadrati a fare del porto turistico Marina di Pescara la terza struttura in Italia dopo Savona e Napoli. Il piano della Camera di commercio, azionista unico del porto turistico, è cercare
l`oro degli yacht perché il turismo della nautica non conosce crisi.

Dei 950 posti barca, più di settecento sono di proprietà mentre gli altri sono usati per l`ormeggio quotidiano a prezzi da 24 a 225 euro al giorno.
«Per la Camera di commercio», spiega il presidente Daniele Becci, «il porto turistico è un volano per il turismo ma è anche un punto di partenza per lo sviluppo urbanistico di Pescara».

IL MOSTRO DELL`EX COFA Per Becci, il Marina di Pescara può crescere ma deve fare i conti con la barriera formata dai ruderi dell`ex mercato  ortofrutticolo, un mostro di cemento cadente e amianto che si sbriciola tra il ponte del Mare, la casa degli yacht e la riviera con la pista ciclabile.
La Camera di commercio tratta per acquistare l`ex Cofa dalla Regione Abruzzo: un affare da 10 milioni 240 mila euro. «Con la proposta di acquisto dell`ex Cofa», spiega Becci, «l`obiettivo è potenziare il porto turistico e, insieme, riqualificare una zona di degrado che ha bisogno di sviluppo  soprattutto dopo la costruzione del ponte del Mare e la riqualificazione della riviera di Porta nuova. Qui, deve nascere la nuova Pescara», sostiene Becci, «un`area che ha l`ambizione di intercettare risorse per ridare slancio all`economia della città con un turismo qualificato».

IL POLO FIERISTICO Alla clientela degli yacht che pretende servizi ed è disposta a pagarli, Becci vuole aggiungere un polo fieristico: «Il padiglione per convegni e piccoli appuntamenti fieristici va potenziato ma questo è possibile soltanto sfruttando l`ex Cofa. Se i pescaresi non hanno vissuto fino in fondo una struttura di qualità come il porto turistico, la responsabilità è dell`ostacolo ex Cofa: i pescaresi si sono assuefatti al degrado ma chi viene per la prima volta in città capisce che c`è un meccanismo che non funziona: puntare sul turismo di qualità una svolta rispetto al passato».

«NO ALL`ELIPORTO» Per comprare l`ex Cofa, la Camera di commercio ferma il progetto del predecessore di Becci, Ezio Ardizzi, di costruire un eliporto sul mare: «Ritengo più importante investire sull`ex Cofa, abbattendo una barriera non solo per il porto turistico ma per Pescara». Le parole d`ordine sono «incrementare i servizi per essere competitivi»: «Accanto al polo fieristico», dice Becci, «è necessario un albergo perché chi arriva a Pescara e non vuole dormire in barca o è impegnato in appuntamenti di lavoro deve avere la possibilità di accedere a un struttura ricettiva. Per esempio, imprenditori e autorità arrivati per la fiera Mediterranea anche da Brasile, Serbia e Bosnia, sono stati spalmati sugli alberghi della città mentre è necessario creare un polo intorno al porto turistico sfruttandone l`ubicazione favorevole con l`asse attrezzato che entra nel porto».

IL FUTURO A PORTA NUOVA Secondo Becci, il futuro di Pescara guarda a Porta nuova: «Un luogo di grande interesse per gli operatori dell`edilizia sarà l`area prospiciente al Marina di Pescara. La zona che dal porto canale arriva allo stadio Adriatico è una parte della città nella quale Pescara avrà il suo compimento: si tratta di una zona degradata che andrà riqualificata con lo sviluppo dell`edilizia residenziale puntando a una fascia medio-alta, lo stesso tipo di mercato che ha fatto di Pescara un`area immobiliare attraente. Sarà compito degli imprenditori», avverte Becci, «trovare un compromesso tra le giuste soluzioni architettoniche e gli indirizzi urbanistici per un`alta qualità della vita».

I FONDALI La concorrenza al Marina di Pescara arriva dalla Croazia: «Le coste sono rocciose e i fondali più capaci», spiega che Becci, uno che ha cominciato a fare i conti anche con il dragaggio. «Sì, il porto turistico soffre i fondali bassi e non può avere un solo corridoio d`ingresso. C`è la necessità una programmazione annuale dei lavori, non ci si può ricordare del problema all`inizio dell`estate». Becci parla «dell`estate del rilancio per il porto turistico»: una stagione di appuntamenti, intitolata Estatica, che si conclude il 28 agosto con il concerto di Samuele Bersani.
Dopo la polemica per i due milioni di euro di debiti trovati in bilancio, Becci dice: «Guardiamo avanti, siamo in attesa di conoscere il piano industriale del Marina di Pescara: più entrate, taglio dei costi e investimenti per avere un ritorno nel breve e lungo periodo».

                                                                                    TARIFFE ANNUALI                 TARIFFE GIORNALIERE                              

PORTO
P. barca
 8 metri

20 metri

 130 metri 8 metri
 20 metri
  30 metri
 Porto turistico di Pescara  950   2.286  11.000   18.070  24,17  125      225
 Marina di Stabia (Na)  1.400  3.750  16.790  30.660  30/70  51/207  93/378
 Marina di Loano  1.050  3.157  10.380  17.460  20.5  61  146,5
 Porto turistico di Roma  794
 3.340  14.580  36.288  17-35  60-130  140-350
 Marina di Ragusa  723  2.500  10.000  16.500  14-41  59-209  84-459
 Marina di Brindisi  638  
 1.800  9.800  18.800  13-17  74-97  142-187
 Marina di Porto Rotondo  586    
 4.687  20.930  38.220  4-81  15-333  270-609
 Porto Tur. di Jesolo (Ve)  488 
 2.625  10.250  28.000  42  145 430
 Porto dell`Etna (Ct)  366   3.100  9.900  17.850  17.50-42,50  85-210  185-415
 Marina di Capri (Na)  310
 5.470  *36.070  *36.070  40-135 **140-450  430-880

Dati in euro – *in darsena per le imbarcazioni oltre i 18 metri – **Tariffa per 18 metri ***Tariffa per 9 metri

Il Centro – di Pietro Lambertini

Share