Rolex Cup…Capri bella anche senza vento

  Ci sono pochi posti al mondo da cui osservare una regata velica più belli di Villa Jovis sulla punta orientale di Capri. Indubbiamente è da parecchio tempo che il suo proprietario se n’è andato e lo stato della villa non è dei migliori. Tutto sommato, forse, è meglio così, considerando che l’Imperatore Tiberio era solito disfarsi degli ospiti indesiderati gettandoli dall’alto della scogliera nelle turchesi acque sottostanti. Oggi, nella seconda giornata della Rolex Capri Sailing Week 2009, anche sul campo di regata ci sono state delle sbrigative rese di conti.

Peter Reggio, Principal Race Officer della manifestazione, ha tenuto la flotta agli ormeggi per due ore in attesa della brezza. Le regate hanno preso il via alle 1400 con un vento di 6-7 nodi. I Farr 40 hanno disputato due prove, i cui protagonisti sono stati rispettivamente TWT (ITA) e Mascalzone Latino (ITA). Nelle classifiche di fine giornata, Mascalzone detiene un punto di vantaggio su TWT. Le altre flotte in gara hanno completato una sola prova. I leader delle rispettive classifiche, al termine della seconda giornata, sono: Atlantica Racing (ITA), che dopo la vittoria odierna detiene un vantaggio di due punti; Kora 4 (ITA) conserva ancora il comando negli Swan 42, ma con un vantaggio ridotto a soli due punti dopo un insolito errore; nei Comet 41 Athanor (ITA) ha dominato nuovamente e possiede un solido vantaggio di cinque punti; nei Comet 45 Fral 2 (ITA) si è piazzata seconda nella prova di giornata ed è in testa con un punto di vantaggio.

Nella prima prova dei Farr 40, TWT è partito bene, ha scelto il lato giusto del percorso e ha girato la prima boa con un lieve vantaggio sul gruppo all’inseguimento. Lo spettacolo della flotta sotto spinnaker vista dall’alto dell’isola assomigliava a un’imminente battaglia navale. I Farr 40, condotti da TWT, hanno tagliato in due la flotta dei Comet impegnati nella loro prima bolina. Questa manovra, apparentemente ben ordinata, s’e improvvisamente interrotta a metà lato quando le barche dietro a Rodolfi si sono dirette verso le direzioni opposte del campo in cerca di migliori canali d’aria. Poco prima del cancello di sottovento, TWT ha infilato due veloci strambate, come per sistemarsi meglio in sella, allineandosi perfettamente sul lato destro del cancello.

In quell’istante, le barche che si erano dirette a sinistra parevano aver guadagnato un leggero vantaggio su TWT, e almeno due parevano aver girato il cancello davanti. Quest’impressione non è durata a lungo. Non appena TWT ha virato verso il centro del campo, infatti, si è visto subito che era ancora in vantaggio e che il suo margine si era consolidato nel lato di bolina accorciato. Di poppa nessuno ha minacciato la sua leadership e TWT ha tagliato il traguardo in tutta tranquillità davanti a Calvi Network (ITA) di Carlo Alberini. Flash Gordon (USA) di Helmut Jahn, con Bill Hardesty alla tattica, si è piazzato quarto. Ieri l’equipaggio americano ha faticato a mantenere la concentrazione ottenendo un quarto e un decimo piazzamento. Nonostante un brillante inizio di giornata, la seconda prova di oggi è stata nuovamente deludente, con un dodicesimo in classifica.

Hardesty ha dichiarato: “oggi la prima regata è sembrata andar bene di nuovo. Ieri ci siamo piazzati quarti nella prima prova ma abbiamo regatato male nella seconda, e oggi abbiamo fatto lo stesso. Sta tutto nel tagliare liberi la linea di partenza. E’ un percorso a senso unico e se non parti bene finisci dalla parte sbagliata, non hai altra scelta e a quel punto è difficile recuperare.”

Tutti gli equipaggi della flotta di Farr 40 hanno gli occhi fermamente puntati sui campionati mondiali Rolex Farr 40 in programma a fine giugno e cercano di essere positivi anche quando i risultati non sono dalla loro parte. Hardesty ha aggiunto: “in linea generale siamo soddisfatti di come stanno andando le cose. Siamo con lo stesso team da tre. quattro anni, quando le cose si fanno strette in genere siamo capaci di gestire bene la barca. Helmut (Jahn) sta timonando bene e l’equipaggio sta facendo un ottimo lavoro. Stiamo cercando di capire i nostri limiti e imparare a partire di nuovo. Stiamo sperimentando un po’ e in certe circostanze siamo un po’ più aggressivi del solito; questo forse è parte del problema, ma è solo così che si impara.”

Le regate di Farr 40 sono sempre molto ravvicinate, soprattutto poco prima dei mondiali. Non c’è margine d’errore e, come ha scoperto ieri TWT, se sbagli è difficile recuperare. Nella prima regata di oggi Mascalzone è inciampato leggermente finendo sesto, ma la situazione si è subito normalizzata con la vittoria della seconda prova. La battaglia tra Vincenzo Onorato e TWT è ben lontana dall’essere conclusa. La giornata è andata bene anche per Calvi Network e Carlo Alberini, che ha ottenuto un terzo in classifica nella seconda prova: “è stata una bella giornata, molto costante. Siamo riusciti a ottimizzare la velocità della barca ottenendo risultati immediati, quindi ci sentiamo molto competitivi e speriamo di finire nel gruppo di testa insieme a Mascalzone Latino e TWT. ” Il segreto del successo di Alberini sta nell’equipaggio: ” manteniamo sempre il buon umore, anche quando ci troviamo in difficoltà. Scherziamo. Cerchiamo di essere concentrati, allegri e desiderosi di vincere. Questo è un ottimo allenamento per gli imminenti mondiali di giugno a Porto Cervo. Sappiamo che non ci saranno sempre 40 nodi di Maestrale, quindi regatare in aria leggera è un ottimo esercizio.”

Fral 2 e Athanor hanno mantenuto la costanza dei risultati nella classe dei Comet e lo stesso vale per gli Swan 45, quindi l’unica sorpresa della giornata è stata quella di Kora 4, che si è piazzata seconda dietro a Cuordileone negli Swan 42. Enrico Scerni e il suo equipaggio hanno spianato la strada a Leonardo Ferragamo con una partenza anticipata. Ma rimanere in testa alla flotta in condizioni di vento instabile non è così facile, come ha subito annotato Chieffi: “abbiamo eseguito la miglior partenza della settimana ed è stata anche la migliore partenza della flotta. Volevamo andare a sinistra e abbiamo puntato su quell’estremo della linea. Le altre due barche di testa sono partite in anticipo quindi ci siamo potuti concentrare esclusivamente sulla velocità. Ma non è stato facile; siamo partiti con quasi dieci nodi di vento, poi l’aria è calata a meno di sei nodi con grossi buchi.”

A metà evento una barca soltanto si trova saldamente al comando – se un vantaggio di cinque punti può essere definito così. Ci sono ancora parecchie prove in programma e, anche se sarà impossibile trovare un altro palazzo della Roma imperiale come punto d’osservazione, domani sarà senz’altro un’altra magnifica giornata per gli equipaggi e gli spettatori.

Le regate della Rolex Capri Sailing Week 2009 proseguiranno domani, venerdì, con il primo segnale previsto alle 1200 CEST.

Il piatto del giorno oggi è stato, a dire il vero, un drink: limonata fresca offerta dalle Cantine Due Calipsi. Cosa c’è di più piacevole e dissetante dopo una salita a piedi sotto il sole di mezzogiorno?

Farr 40
1. MASCALZONE LATINO Vincenzo Onorato ITA, 2-1-6-1.-10.00
2. TWT Marco Rodolfi ITA, 1-7-1-2-11.00
3. CALVI NETWORK Carlo Alberini ITA, 3-9-2-3-17.00

SWAN 45
1. ATLANTICA RACING Carlo Perrone ITA, 1-4-1-6.00
2. BLUE NIGHTS Tea Ekengreen-Sauren FIN, 2-3-3-8.00
3. EARLY BIRD Hendrik Brandis ITA, 3-2-4-9.00

SWAN 42
1. KORA 4 Enrico Scerni ITA, 1-1-2-4.00
2. CUORDILEONE Leonardo Ferragamo ITA, 1-3-3-7.00
3. KUUJJUAQ Ludovic de Saint Jean ITA, 3-2-4-9.00

COMET 45
1. FRAL 2 Alessandro Nespega ITA, 3-1-2-6.00
2. ONE NOIDINOTTE Saverio Bifulco ITA, 1-3-3-7.00
3. BROSWAY LIBERTINE Marco Paolucci ITA, 4-5-1-10.00

COMET 41
1. ATHANOR Massimo Russo ITA, 1-1-1-3.00
2. PEDRO PROIETTILE Enrico Cardone 2-3-3-8.00
3. ZOOM Quatrini-Guiducci ITA, 3-2-4-9.00

Share