barche idrogeno emirates team new zealand

America’s Cup 37: la tender boat ad idrogeno è quasi pronta

barche idrogeno emirates team new zealand

Il prototipo dell’imbarcazione a idrogeno dell’Emirates Team New Zealand è nelle fasi finali di un complesso allestimento prima del suo varo a marzo. La costruzione della barca è iniziata nell’agosto 2021 presso l’impianto di costruzione del team North Shore, la costruzione dell’appendice è nelle sue fasi finali e l’installazione del gruppo propulsore a celle a combustibile a idrogeno è in corso presso la base del team nel Viaduct Harbour di Auckland.

Il progetto ETNZ Hydrogen powered by Toyota è stato importante per Emirates Team New Zealand che, in qualità di Defender of the America’s Cup, si è impegnato a guidare l’innovazione dell’idrogeno nel settore marittimo attraverso il lavoro con tecnologie pulite.

“Il progetto Hydrogen è stata una sfida completamente nuova su tutta la

Emirates Team New Zealand Hydrogen powered foiling chase boat under construction and fit out

linea per i designer, i costruttori e gli ingegneri di Emirates Team New Zealand”, ha affermato Dan Bernasconi, Head of Design. “Questi tipi di progetti sono estremamente utili per mantenere i ragazzi oltre i limiti, imparando continuamente e affrontando i problemi con prospettive diverse, il che aiuta tutti a continuare ad alzare il livello del nostro approccio progettuale alla 37a America’s Cup, che sta procedendo parallelamente”.

Il prototipo della barca foiling è lungo 10 metri e ha un dislocamento di circa 5200 kg, la velocità di crociera sarà di 30-35 nodi con una velocità massima di circa 50 nodi e trasporterà 6 membri dell’equipaggio con un’autonomia compresa tra 150-180 km generando circa 440 kW di picco alimentazione tramite un sistema a 400 V CC alimentato dalla cella a combustibile a idrogeno.

 

 

“Un progetto come questo non è semplice e abbiamo dovuto mettere insieme una vasta gamma di fornitori e componenti per questo prototipo di barca, parti del quale sembrano uscite da Ritorno al futuro”, spiega il project manager Geoff Senior. “Toyota New Zealand e Toyota Motor Corporation Japan hanno svolto una parte significativa del progetto nella fornitura delle celle a combustibile a idrogeno Toyota di pre-produzione da 2 x 80 kW. Global Bus Ventures ha fornito la progettazione e l’integrazione del sistema Hydrogen Powertrain e Gurit è stato un partner prezioso per i materiali compositi e l’ingegneria”.

I quattro serbatoi di stoccaggio dell’idrogeno a bordo di Hexagon Purus immagazzineranno 33 kg di idrogeno gassoso a 350 bar mentre la propulsione avviene tramite un‘elica di estremità inferiore Mercury che è incorporata all’interno dei foil. Il design delle ali foil da parte del team di progettazione dell’Emirates Team New Zealand era in gran parte basato sulla tecnologia AC75 e l’Autopilot che verrà utilizzato per controllare l’altezza di marcia è una tecnologia proprietaria ETNZ che sarà implementata nelle nuove barche AC40 in produzione.

 

Emirates Team New Zealand Hydrogen powered foiling chase boat under construction and fit out

Michael Rasmussen ETNZ Mechatronics Engineer ha dichiarato: “È una curva di apprendimento per tutti i soggetti coinvolti, ma lo è sempre quando guidiamo la tecnologia in un nuovo territorio. Ma con ciò arriva un impegno davvero mirato da parte di tutte le parti coinvolte per produrre qualcosa che speriamo possa raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati di raggiungere nel guidare un cambiamento netto nell’industria marittima globale da quaggiù in Nuova Zelanda. Sarà un momento emozionante ma stressante una volta che saremo pronti per portarlo in acqua e metterlo alla prova, che sembra essere la strada creata da Emirates Team New Zealand ”.

 

La barca prototipo dovrebbe essere varata all’inizio del prossimo mese e sarà sottoposta a un’accurata prova in mare per lavorare su tutti i complessi sistemi coinvolti per far salire e volare la barca.

Un sostenitore integrale del progetto ETNZ Hydrogen powered by Toyota è l’ambasciatore per la sostenibilità del team neozelandese Emirates ed ex presidente di amministrazione, Sir Stephen Tindall, che oltre ad aiutare a finanziare il progetto crede anche che l’idrogeno strategicamente pulito sarà una parte molto importante di New La sostenibilità verde della Zelanda in futuro.

barche idrogeno emirates team new zealand

“L’idrogeno verde proviene da energie rinnovabili come eolico, solare e idroelettrico e una volta che l’idrogeno viene utilizzato nella barca, l’unico sottoprodotto è l’acqua. Credo che il nostro ambizioso passaggio alle barche a idrogeno da parte di Emirates Team New Zealand creerà la scena per le imbarcazioni a motore, come abbiamo fatto per iniziare la rivoluzione del foiling marino. Non vedo l’ora di vedere milioni di veicoli e barche a idrogeno nei prossimi 20 anni”.