Cork Irlanda

America’s Cup, le ultime novità sull’ipotesi Cork

In vista della prossima America’s Cup, Cork si sta preparando. Dove si svolgerà la 37esima edizione della Coppa America lo scopriremo solo tra qualche mese, entro il 31 marzo del 2022 a quanto pare, ma qualche novità arriva dalle sedi che si vocifera potrebbero ospitare l’evento.

Secondo quanto fatto sapere da Irish Examiner, nel tentativo di non far naufragare le speranze di Cork di ospitare l’America’s Cup 2024, ai funzionari pubblici è stato proposto un nuovo “allestimento” dell’evento nella città dell’Irlanda, che potrebbe far risparmiare allo Stato circa 80 milioni di euro.

I nuovi piani presentati al Dipartimento dello Sport parlano di terreni di proprietà pubblica a Tivoli Docks invece di un cantiere navale di proprietà privata a Rushbrooke vicino a Cobh. Al Dipartimento dello Sport sono state inviate diverse immagini realizzate al computer per aiutare i dipendenti pubblici a valutare la proposta.

Le immagini mostrano l’allestimento del villaggio di gara a Kennedy Quay, la maggior parte del quale è di proprietà pubblica. Si tratterebbe della principale area pubblica e di ospitalità per l’evento dell’America’s Cup a Cork. La base del team e l’area tecnica potrebbero essere sistemate a Tivoli Docks, anch’esso di proprietà pubblica.

Secondo le stime della relazione, il costo di preparazione di questi siti per l’evento potrebbe ammontare fino a 50 milioni di euro. Lo Stato, se deciderà di procedere con la gara, dovrà pagare ulteriori 55 milioni di euro per il diritto di ospitare l’evento e i diritti televisivi, ma un’analisi costi-benefici ha mostrato che l’evento potrebbe valere circa 500 milioni di euro per l’economia.

Foto: Pixabay