I numeri del Global Order Book 2014

SailBiz mostra il Global Order Book 2014 i numeri e le considerazioni principali del report annuale sugli ordini dei SuperYacht, analisi di Willis in collaborazione con Boat International Media. L’ industria nautica è sulla strada della ripresa. Ora noi abbiamo finalmente avere qualche prova . Per la prima volta dopo le turbolenze finanziarie e il record del 2009 (quando erano 1.008 i nuovi ordini registrati), il numero di nuovi progetti è superiore a quello del precedente esercizio. Questo anno il Global Order Book rivela 735 nuovi yacht in costruzione o ordinati, un aumento del 6,2 per cento al di sopra dei 692 progetti registrati dal Order Book del 2013, e anche dal 2012 la cifra che era di 728. L’inversione di una tendenza al ribasso che è durata quattro anni è certamente una buona notizia, ma analizziamo più approfonditamente per rivelare un quadro più preciso.

 

Mentre poco è cambiato tra le cinque principali nazioni costruttrici di yacht del mondo, con l’Italia ancora in di gran lunga al primo posto, uno sguardo più attento rivela alcuni fatti significativi. L’Olanda e la Turchia consolidano i loro posti. Gli Stati Uniti conservano il quarto posto in classifica grazie alla durata dei progetti, ma stanno perdendo la leadership a favore dei costruttori U.K., che come gruppo è cresciuto significativamente negli ultimi due anni sopra il 51 per cento in base alla durata dei progetti in costruzione – e quest’anno hanno più di otto nuovi ordini rispetto ai loro omologhi statunitensi. Mentre il resto dei costruttori di tutto il mondo sono desiderosi di incassare la ripresa economica degli Stati Uniti, i cantieri navali a stelle e strisce non sembrano beneficiarne direttamente. La Grecia entra al 10° posto quest’anno, spingendo la Francia fuori dalla lista. Pochi mesi CMN costruttore francese, membro del ADM Group, ha ri-orientato la propria strategia sui contratti commerciali e della marina, contemporaneamente archiviando i progetti attuali e futuri.

Gli ordini per il più grande yacht , quelli superiore a 328 piedi (100 metri), sono cresciuti da 14 progetti dell’anno scorso a 19 di questo anno. Tra questi progetti sono quattro a vela che variano nel formato 331-482 metri, con il più grande progetto non-proprio segreto di Nobiskrug. Un progetto di 331 metri da Ed Dubois, è stato firmato e porta il numero di super yacht a vela attualmente in costruzione a un massimo storico. Tra i grandi yacht, un certo numero di ammiraglie per il cantiere di razza come Lürssen, che recentemente ha varato il più grande yacht del mondo, il 591-piede Azzam. Feadship sta costruendo il suo più grande yacht, un motoryacht da 335 piedi, e Oceanco è alla costruzione di un motor yacht di 360 piedi oltre a una barca a vela di 354 metri, noto come progetto Solar.

Diversi cantieri hanno in progetto altri Yacht a motore: Hakvoort ha annunciato un 207-piede explorer yacht; Mondo Marine uno yacht da 197 metri; Sanlorenzo uno yacht di 194 piedi; Admiral Tecnomar un ibrido yacht di 181 piedi, e uno relativamente nuovo per il costruttore di superyacht, anche se un costruttore di barche con esperienza, Gulf Craft sta costruendo il suo primo 155-footer. Con questi interessanti nuovi ordini, alcuni cantieri ora hanno un sovraccarico di lavoro che li terrà occupati fino al 2016 e anche 2017. Complessivamente, i progetti, con oltre 150 piedi sono leggermente diminuiti rispetto all’anno precedente, 189 quest’anno rispetto ai 186 dell’ultimo anno, mentre ci sono attualmente 40 progetti su 250 piedi contro i 39 dell’anno scorso. La crescita dei grandi yacht spesso attirano l’attenzione di nuovi clienti, e questi progetti personalizzati pluriennali sono una buona notizia per i cantieri navali, essi rappresentano solo una piccola parte del mercato degli yacht,  forse una delle tendenze più positive che abbiamo notato quest’anno è un pick-up in nuovi ordini nel segmento dei 80 – 99 metri. Questa parte del mercato ha sofferto di più durante la recessione. Da 213 progetti dell’anno scorso, i nuovi ordini in questo segmento sono cresciuti a 246, un 15.5 per cento di aumento in un anno. La maggior parte di questi sono di produzione di yacht semi-custom, ma una tendenza interessante è la comparsa di ordini di progetti in questo intervallo di grandezza da parte di pochi cantieri navali, come Conrad, JFA o negli Stati Uniti, Rybovich.

Le carte sono state ridistribuite un pò tra i cantieri di costruzione di semi custom yacht, con un calo generale e del numero di scafi più piccoli costruiti in Italia (forse a causa della lenta ma continua diminuzione della popolarità degli express cruiser).

Allo stesso tempo, vediamo un numero crescente nel U.K. (in particolare con Princess Yachts andando dai 22 ai 30 nuovi ordini), come la Cina e Taiwan. Mentre l’Asia de ricchi acquirenti ha stabilito i prezzi dei brand costruttori come Ferretti, Sunseeker, Sanlorenzo e molti altre concessionarie aperte in Cina perché le tasse di importazione rimangono proibitive. I Cantieri navali nazionali ne stanno beneficiando e stanno lentamente aumentando la loro produzione. Un buon esempio può essere Heysea, oggi uno dei principali costruttori cinesi. La serie Heysea 82 del cantiere avviata nel settembre 2011, ha annunciato di aver venduto 20 esemplari fino alla scorsa estate. Heysea ora ha una nuova serie di punta chiamata Asteria 108, ed ha riferito di aver ricevuto quattro ordini. Così, mentre questo nuovo mercato in Asia da buone notizie per i cantieri navali di tutto il mondo, significa anche una maggiore concorrenza.

L’aumento della concorrenza mai come quest’anno si fa sentire, il numero di costruttori di tutto il mondo è aumentato per la prima volta dal 2009. Attualmente ci sono 216 cantieri costruttori di  yacht oltre gli 80 piedi. Questa crescita sembra essere guidata dai produttori di yacht più piccoli che vedono un’opportunità nel mercato megayacht. Per quanto riguarda la tipologie di barche costruite, i cruiser yachts (aperti), che, come osservato in precedenza, in calo durante la crisi finanziaria (una tendenza che può essere attribuita al costo del gasolio e del funzionamento), sono rimbalzati un po’ quest’anno, ma sono ancora ben lontani dai numeri del 2009. Infatti, la produzione di nuovi express cruiser sono alla metà di quello che era allora (con 51 nuove costruzioni in questa categoria contro le 103 nel 2009). Un trend che è iniziato dopo il 2009 continuato con barche a vela e gli expedition yacht stanno lentamente aumentando la loro quota di mercato.

 

Gli yacht a vela hanno stabilito un nuovo massimo con 95 nuove costruzioni, 11,8 per cento in più di quanto segnalato l’anno scorso. I grandi sportfishers, tuttavia, hanno una vita propria, con i numeri falsati che non sembrano seguire una tendenza particolare. Nella tabella globale Order Book 2014 è possibile notare un paio di scafi elencati in un cantiere navale denominato “custom”. Nella maggior parte dei casi si tratta di imbarcazioni in costruzione in uno dei cantieri elencati, ma per motivi di riservatezza, i cantieri non possono ufficialmente annunciare che esistono. Questo cambierà con il tempo e si potrà fornire ulteriori dettagli. C’è stato un 39 per cento di aumento del numero di progetti indicati come “in attesa” (on hold), scafi che avevano iniziato qualche tempo fa e non sono stati terminati. In alcuni casi, possono essere progetti che erano di natura speculativa e invece non hanno trovato un acquirente, o progetti in fase di stallo dopo che i loro proprietari hanno deciso di rallentare, fermarsi o addirittura abbandonare.

Ci sono 46 progetti  (fino a 33) , che vanno da poco meno di 87 metri a più di 200 piedi, e uno è un enorme progetto di 440 metri per il cantiere ADM in Medio Oriente. L’attività di Refit continua ad essere un gettito importante per i cantieri navali, un certo numero di loro ora hanno squadre specializzate dedicate a questa attività. Questo include cantieri prestigiosi che sono attualmente attivi su nuovi mercati, come Lürssen, Feadship e Royal Huisman. Con l’invecchiamento della flotta mondiale, logicamente questa tendenza continuerà ad aumentare. Le prospettive 2011 concluse con 262 vendite (con un valore complessivo delle vendite di $ 3.283.975.297), tra cui alcuni yacht molto grandi come Pelorus; nel 2012 è stato ancora meglio con 272 vendite grazie ad un quarto trimestre eccezionale ( totale il valore delle vendite di $ 3.064.870.326). La previsione per 2013 mostra un mercato affollato, entro metà ottobre 2013, erano state già registrate 249 vendite (pari finora a $ 2.473.160.985). Mentre il numero di vendite è in aumento, i prezzi medi sono in calo. La media 2012 è stata del 10 per cento al di sotto quella del 2011, e le attuali  mostrano una tendenza di una diminuzione del 11 per cento dei prezzi medi rispetto al 2012. Anche quest’anno abbiamo buoni motivi per essere ottimisti, anche se ancora ci sono alcune aree di preoccupazione. 

Il numero di visitatori in calo nei Saloni Nautici come Cannes e Monaco era più alto rispetto agli anni precedenti, ma si è concluso l’anno con il Fort Lauderdale International Boat Show, con ottimismo e con le banchine affollate. Russia, Asia e America – Nord, Sud e Centro – i proprietari stanno definitivamente tornando allo shopping, e vedremo gli effetti sul prossimo Global Order Book se l’economia globale continuerà a recuperare con questo buon ritmo.

Fonte: http://www.boatinternational.com 

Share