plastica mare

Rifiuti in mare, tutto pronto per il progetto REsPoNSo. Ecco di cosa si tratta

Recuperare e ridurre i rifiuti in mare. E’ questo l’obiettivo principale del progetto REsPoNSo (RiduzionE Pesca faNtasma in Sicilia), finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali attraverso il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP 2014-2020 – Misura 1.40). Si tratta di un progetto iniziato nel mese di marzo 2021 e che durerà nove mesi.

I rifiuti in mare rappresentano un grande problema e questo progetto punta a mettere in campo interventi per ripristinare aree marine d’importante valore naturalistico ed economico, senza dimenticare un profilo più specificatamente educativo e di sensibilizzazione. L’iniziativa verrà presentata venerdì 30 aprile, alle ore 09:20.

Nello specifico, l’intervento, guidato da Stazione Zoologica Anton Dohrn – Istituto Nazionale di Biologia Ecologia e Biotecnologie Marine – Sicilia, con il partenariato di WWF-Italia, Marevivo Sicilia, CO.GE.COOPESCA di Portorosa, CO.GE.PA. di Licata e CO.GE.PA. di Lampedusa e Linosa, mira a fermare il degrado ambientale marino generato dall’abbandono o la dispersione in mare degli attrezzi da pesca, causa di un preoccupante degrado ambientale marino con forti ripercussioni sulla biodiversità e le risorse ittiche. La scarsa biodegradabilità dei polimeri sintetici di cui sono composti gli attrezzi da pesca abbandonati o perduti, infatti, prolunga la loro azione inquinante e l’attività di pesca fantasma indisturbata. Ma non solo. Il progetto si occuperà anche del recupero del più generico Marine Litter, ossia di tutta quella grande quantità di rifiuti di origine antropica dispersa in mare.

Il progetto REsPoNSo si concentrerà sulle aree di Portorosa, Licata-Gela e Lampedusa-Linosa, dal momento che il recupero degli attrezzi da pesca abbandonati o dispersi sui fondali, insieme agli altri rifiuti, sta diventando un’azione urgente e necessaria. La ricchezza della biodiversità delle risorse ittiche e degli ecosistemi marini di queste località esige interventi e misure idonee a proteggere e ripristinare un’area strategica per il sistema economico.

Foto di joelsaucedosaucedo da Pixabay