La vela oceanica mondiale punta alla parità di genere entro il 2030

L’ambizioso obiettivo fa parte di Horizon, una nuova collaborazione con The Magenta Project, World Sailing Trust e PA Consulting, dedicata all’aumento del numero di donne nella vela professionale. Il gruppo chiede al mondo della vela, della nautica e dello sport di unirsi per contribuire ad accelerare l’accessibilità per le donne. Quasi il 60% delle donne della vela ha subito discriminazioni di genere.

Sevenstar Round Britain and Ireland Race 2014
Team SCA finishes at dawn off Cowes to beat the all female round Britain record.
Volvo Ocean 65 SCA,skippered by Sam Davies,crossed the finish line of the 2014 Sevenstar Round Britain and Ireland Race off the Royal Yacht Squadron,Cowes at 06.10.39 BST on Saturday 16th August 2014 with an elapsed time of 4 days,21 hours,00 minutes and 39 seconds. This breaks the previous World Record for Women’s Monohull set by Aviva,an Open 60,in 2009,by 1 day,14 hours,30 minutes and 14 seconds. SCA’s record is subject to ratification by the World Speed Sailing Record Council. Of the women onboard SCA in 2014,both Dee Caffari and Sam Davies were also onboard Aviva when the World Record was set in 2009. August 14,2014. Round Britain Island Race Day 4 – OBR content Team SCA:

The Ocean Race, l’impegnativo giro del mondo a vela in equipaggio, punta a una ripartizione 50:50 tra donne e uomini nella flotta del giro del mondo entro le prossime tre edizioni della regata, in continuità con la storia della regata che ha visto ben 136 donne prendervi parte, dalla prima edizione del 1973.

L’obiettivo è di raggiungere un numero uguale di uomini e donne nell’evento, sia che si tratti di equipaggi misti o completamente femminili. L’iniziativa fa parte di una collaborazione senza precedenti nel campo della vela, con le principali organizzazioni che si occupano di sostenibilità, diversità e vela, The Ocean Race, World Sailing Trust, The Magenta Project e PA Consulting, che si basa su iniziative esistenti e introduce nuovi percorsi per aprire la vela alle donne e ai giovani.

Horizon, di cui fanno parte figure diverse dello sport – tra cui velisti, costruttori e cantieri, allenatori, giudici e ufficiali di gara – deriva da un’analisi approfondita dello stato della parità di genere nella vela professionistica da parte di PA Consulting. La società di consulenza, specializzata in innovazione e trasformazione, ha intervistato i principali stakeholder del settore e ha individuato le principali barriere, i pregiudizi e i problemi sistemici che limitano la partecipazione femminile a questo sport.

Dee Caffari, la prima donna a navigare in solitaria e senza scalo intorno al mondo in nei due sensi, due volte concorrente di The Ocean Race e presidente del World Sailing Trust, ha dichiarato: “Tutti noi ci fidiamo naturalmente delle persone con cui siamo abituati a navigare, quindi è difficile entrare in un team. Al vento e alle onde non importa chi sei, uomo o donna, sei un velista”.

Questi dati fanno eco alla Strategic Review 2019 del World Sailing Trust sulle donne nella vela, che ha rivelato che l’80% delle donne e il 56% degli uomini pensano che la parità di genere sia un problema nella vela e che il 59% delle donne, rispetto al 14% degli uomini, ha dichiarato di aver subito discriminazioni di genere.

 

Lavorando insieme, The Ocean Race, The Magenta Project, PA Consulting e World Sailing Trust intendono cambiare la percezione e migliorare i percorsi di accesso al settore per le donne. L’Ocean Race creerà una tabella di marcia per l’azione, che includerà sia iniziative nuove che esistenti che saranno sostenute dai collaboratori.

The Ocean Race offrirà anche opportunità di affiancamento nella gestione della regata, con volontari dei club locali di ogni città ospitante in cui la regata si ferma e, con il Magenta Project, svilupperà un programma di mentoring per donne e giovani specifico per The Ocean Race. PA Consulting creerà uno strumento di valutazione dell’uguaglianza per aiutare il settore della vela a misurare la situazione attuale e i miglioramenti possibili, insieme a una serie di tavole rotonde che ne seguiranno i progressi.

Tutte le parti interessate firmeranno inoltre la UN Women, Sport for Generation Equality Charter, una potente coalizione di parti interessate in diversi sport per promuovere l’uguaglianza di genere attraverso lo sport.

Anne-Cécile Turner, direttore della sostenibilità di The Ocean Race, ha dichiarato: “Le concorrenti femminili di The Ocean Race includono medaglie d’oro olimpiche e detentrici di record mondiali. Sono modelli e ambasciatrici di grande impatto, ma per molte di loro il viaggio verso la vetta è stato irto di sfide, semplicemente perché sono donne. Non solo le donne perdono delle opportunità, ma anche il settore si lascia sfuggire le competenze, la forza e il talento che esse apportano. La vela può far vivere la sua reputazione e il suo futuro unendosi. Dobbiamo costruire ponti, non lavorare in silos”.

The Ocean Race è leader nel settore del sostegno alle donne nello sport, con un numero di donne che

The Ocean Race Europe. Leg 1 from Lorient, France, to Cascais, Portugal. On Board Viva Mexico.

partecipano all’evento superiore a qualsiasi altra competizione velica al di fuori delle Olimpiadi. La regata è l’unico altro grande evento sportivo internazionale in cui uomini e donne competono nello stesso team su base paritaria, tanto che sono ben 136 le donne che hanno partecipato alla regata dal 1973, di cui 12 nella prima edizione. Nell’edizione 2017-18 dell’evento sono state introdotte nuove regole che hanno dato agli equipaggi un importante incentivo a includere donne e uomini, una politica che continuerà nella gara 2022-23 e che vedrà le donne partecipare con un ruolo significativo in ogni team.

 

Dee Caffari, presidente di World Sailing Trust, ha dichiarato: “La ricerca condotta da World Sailing Trust nel 2019 ha mostrato cifre piuttosto crude sullo stato della parità di genere nella vela. La ricerca di PA Consulting ha poi confermato che, sebbene ci siano dei progressi, lo sport ha bisogno di lavorare molto più duramente e in modo più collaborativo, se si vuole ottenere un cambiamento. Per continuare a invertire la rotta in materia di parità, occorrono eventi di primo piano nel nostro sport, come The Ocean Race. L’iniziativa Horizon è esattamente il modo in cui dobbiamo lavorare, per poter collaborare meglio e affrontare questi problemi chiave, iniziando a rendere più equo il campo di gioco. Con l’obiettivo di aumentare le opportunità e i livelli di partecipazione delle atlete”.

 

Jonquil Hackenberg, presidente del Magenta Project, un’associazione di beneficenza dedicata alla parità di genere e alla diversità nella vela agonistica, e responsabile della Sostenibilità di PA Consulting ha dichiarato: “La vela è uno degli sport meno diversificati, è una cosa che deve cambiare. Questa collaborazione è un passo fondamentale in tal senso e ha il potenziale per cambiare per sempre il volto della vela e renderla uno sport a cui gli altri possono guardare e da cui imparare. La forza di questa collaborazione sta nel fatto che porta in primo piano i punti di forza, che non devono essere necessariamente fisici. Con una serie di raccomandazioni tangibili e una collaborazione in cui noi del Magenta Project possiamo offrire percorsi praticabili agli aspiranti regatanti oceanici, le iniziative si concentrano sull’intero ecosistema di questo sport, che è l’unico modo per attuare un cambiamento significativo e sostenibile”.

L’IMOCA, una delle due classi di barche che parteciperanno alla prossima edizione di The Ocean Race insieme

August 23, 2021. 11th Hour Racing’s new IMOCA gets rolled out of the shed at MerConcept in Concarneau for launching and measuring.

alla classe VO65, ha espresso il proprio sostegno a Horizon. Il presidente di IMOCA, Antoine Mermod, ha dichiarato: “Anche se stiamo vedendo un maggior numero di donne nella vela, c’è ancora molta strada da fare per rendere questo sport veramente equo per donne e uomini. Saremmo particolarmente felici se un maggior numero di donne diventasse skipper e assumesse altri ruoli di primo piano nel settore, quindi siamo lieti di vedere una collaborazione che si concentra sul rendere lo sport più accessibile alle donne. The Ocean Race è stata pioniere in questo campo e non vediamo l’ora di sostenere la sua ambizione di rendere l’evento paritario”.

 

Contribuire a creare percorsi per le donne nella vela è il primo passo del programma di diversità e inclusione di The Ocean Race, che mira a rendere l’evento e il settore più accessibili a tutti. La diversità e l’inclusione fanno parte del programma di sostenibilità “Racing with Purpose” di The Ocean Race, creato in collaborazione con 11th Hour Racing, Premier Partner di The Ocean Race, e dedicato a migliorare la salute dell’oceano.