Helly Hansen Mirpuri Foundation Racing Team ©Martin Keruzoré

The Ocean Race Europe, collaborazione tra Helly Hansen e Mirpuri Foundation Racing Team

E’ partito il conto alla rovescia. Durante l’ultimo weekend di maggio 2021 prenderà il via la prima edizione di The Ocean Race Europe, che toccherà Francia, Portogallo, Spagna e Italia, con la nostra Genova. La flotta impegnata in questa nuova regata offshore in equipaggio vedrà anche la partecipazione del Mirpuri Foundation Racing Team, che potrà contare su Helly Hansen come partner tecnico.

The Ocean Race Europe 2021: Il Programma E Il Bando

La prima edizione di The Ocean Race Europe vede dunque la collaborazione tra Helly Hansen e Mirpuri Foundation Racing Team. In particolare, il brand norvegese fornirà l’abbigliamento tecnico professionale per affrontare le durissime condizioni che attendono i velisti durante la competizione.

Stato Di Salute Dei Mari, Importanti Dati Saranno Raccolti Durante The Ocean Race Europe 2021

Helly Hansen verso soluzioni e design più sostenibili

Helly Hansen Mirpuri Foundation Racing Team ©Martin Keruzoré

Michael Uhl, global marketing director di Helly Hansen, ha spiegato: “Siamo onorati dalla partnership con il Mirpuri Foundation Racing Team per l’edizione inaugurale di The Ocean Race Europe. La sostenibilità ambientale e la consapevolezza come strumento per fronteggiare il cambiamento climatico sono i temi che qualificano questa campagna sportiva, e che sono per noi motivo di orgoglio. Condividiamo la stessa passione per la protezione dell’oceano dimostrata dal Mirpuri Foundation Racing Team e non vediamo l’ora di lavorare insieme per promuovere questo messaggio in modo che possa ispirare azioni concrete di salvaguardia del mare”.

Helly Hansen Mirpuri Foundation Racing Team ©Martin Keruzoré

La storia di Helly Hansen conta collaborazioni con professionisti per sviluppare abbigliamento tecnico ad alte prestazioni che consenta di lavorare e vivere all’aria aperta anche nelle condizioni più ostili. La partnership con il Mirpuri Foundation Racing Team è diventata l’occasione di uno scatto evolutivo nell’attività di ricerca e sviluppo del brand norvegese, attraverso la messa a punto di soluzioni e design più sostenibili, senza compromessi di performance.

Mirpuri Foundation Racing Team e il motto “Racing for the Planet”

Helly Hansen Mirpuri Foundation Racing Team ©Martin Keruzoré

Il Mirpuri Foundation Racing Team è emanazione della Mirpuri Foundation, organizzazione no-profit che ha l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore per le generazioni future. A guidare il Mirpuri Foundation Racing Team c’è lo skipper francese Yoann Richomme, due volte vincitore del Solitaire du Figaro e vincitore della Route du Rhum 2018 nella categoria Class 40. Il motto “Racing for the Planet” riassume l’ambizione dei velisti di questo team: attirare l’attenzione sul messaggio di sostenibilità della fondazione lungo la rotta che questa estate li porterà dalla costa nord atlantica dell’Europa fino al Mar Mediterraneo.

Helly Hansen Mirpuri Foundation Racing Team ©Martin Keruzoré

Yoann Richomme, skipper Mirpuri Foundation Racing Team, ha spiegato: “Abbiamo appena completato una sessione di alcuni giorni di allenamento, compreso un periodo offshore, che sono andati piuttosto bene e ci hanno dato l’opportunità di testare alcuni nuovi materiali sviluppati da Helly Hansen. I campioni che abbiamo provato includono alcune tecnologie veramente innovative che ho l’impressione possano contribuire a definire un nuovo standard per l’abbigliamento tecnico oceanico, con delle soluzioni molto più attente alla sostenibilità, che è un punto molto importante per l’etica del nostro team”.

Il Mirpuri Foundation Racing Team regaterà nella classe VO65 della prossima The Ocean Race Europe, la cui partenza da Lorient è prevista per l’ultimo weekend di maggio, con arrivo a Genova nel mese di giugno, e almeno quattro tappe intermedie lungo il percorso. Per gli organizzatori saranno prioritari la salute e la sicurezza dei partecipanti e del pubblico, con una attenta applicazione dei protocolli Covid-19.

Foto: Martin Keruzoré